Passa ai contenuti principali

Fur

Fur non è proprio la biografia di Diane Arbus, Ma è un ritratto immaginario, o se vogliamo chiamarlo nel nome che più gli si addice, un omaggio, alla fotografa dei freaks, una storia in parte inventata su una donna, che ha fatto una scelta di vita particolare, fare fotografie a personaggi deformi, borderline, travestiti, nudisti e ritrarli in immagini, che a quei tempi fecero scalpore, Diane (che si legge Dian non Daian) ha iniziato la sua carriera come aiutante del marito fotografo di moda, ben presto però quando un giornalista le chiede  cosa fa lei e la professione che svolge, lei risponde al marito imbarazzata, quasi con le lacrime agli occhi, non riuscendo a nascondere la frustazione del suo ruolo di moglie e di aiutante.
Steven Shainberg, già visto nell'interessante Secretary, ritorna con una pellicola semibiografica, e sceglie come protagonisti la bravissima Nicole Kidman, (qui davvero naturale in un ruolo abbastanza complicato) e un ritrovato Robert Downey Jr nel ruolo di Lionel, il vicino mascherato, affetto da ipertricosi che attira Diane.
La cosa più interessante del film è senza dubbio il rapporto tra Diane e Lionel, c'è una sottile tensione erotica tra i due, ma è palpabile, e viene sottolineata dalla bravura filmica di Steven Shainberg, che non perde mai di vista la divisione tra il mondo cosidetto normale, e l'attrattiva verso il mondo diverso, che rendono la pellicola affascinante e intrigante, l'iniziale curiosità viene trasformata in un rapporto più profondo, più vero, di quando si possa immaginare, Nicole Kidman dimostra sensibilità e naturalezza, anche quando si rischia di andare verso il feticismo e la gigioneria, Downey Jr, si dimostra a suo agio nel ruolo di Lionel, in sostanza una pellicola interessante e matura, ma anche capace di far riflettere sulle mille sfaccettature dell'amore e della tolleranza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.