Passa ai contenuti principali

True Blood Stagione 7

Credo che non ci voglia poi molto a capire cosa penso del finale di True Blood.
Serie che, ho seguito fino alla fine con un certo affetto, sia per la storia trasgressiva, sia per la venatura horror che ne facevano un prodotto intrigante che, senza dubbio lasciava intendere ben più di una semplice serie tv.
Fino alla quinta stagione bene o male questa serie tv era diventata una garanzia a casa Lynch, che certamente non potevo assolutamente perdermi, ormai ero una fan.
Però, a ben esser sinceri, io credo che fino alla quarta stagione si può dire che si difende bene, poi il nulla, il suo potenziale dark, horror e fantastico veniva buttato via, che da cult è diventato addirittura scult, un prodotto mainstream per accaparrarsi la simpatia di tutti quanti.
Quindi non è un prodotto per pochi eletti come lo era all'inizio; e aggiungerei peccato.
E l'ultima stagione ho aspettato tre anni per vederla, sia per mancanza di tempo, poi perchè visto le ultime due stagioni non all'altezza delle precedenti, aveva perso l'appeal, e quindi mi sono concentrata su altro.
Questa estate ho voluto vedermela per recuperarla e finirla, d'altronde è giusto terminare ciò che si è cominciato: nonostante sia questa ultima stagione ciò che di più patetico ci si possa aspettare, e un po' non mi aspettavo poi tanto.
L'hype non era certamente alle stelle, ma comunque ho voluto vederla lo stesso, quindi gli ho dato una chance.
Come mi aspettavo, non è certo una stagione memorabile, forse tutti gli episodi, sono i più brutti della stessa serie, per parlare dei migliori episodi io mi concentrerei tra le prime tre stagioni, tanto per fare un esempio.
E il finale  poi...lasciamo stare va.
E' un bene che sia finita True Blood, anche se mi aspettavo un finale decisamente migliore, perchè certamente se lo meritava.
Questa settima stagione è stata fatta solo per contratto, non c'era più la freschezza e l'intrigo dark delle prime stagioni.
True Blood resta una serie da vedere assolutamente, soprattutto le prime quattro stagioni, anche se io ci aggiungo la quinta perchè nonostante tutto gli voglio bene, poi lasciate perdere, non la continuate, però vi avviso che vi affezionerete ai personaggi come è successo a me, e poi volete senza dubbio capire come finisce.
E resterete decisamente con l'amaro in bocca.
Per ora è tutto.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.