Passa ai contenuti principali

Villaggio Globale - Il segreto del bosco Vecchio

Premessa: Non sono mai stata una fan di Paolo Villaggio, però ho apprezzato diverse sue interpretazioni, la prima, nel geniale film del grande Fellini La Voce della Luna, e il secondo con questo film di Ermanno Olmi.

Devo dire che non sono molti i film impegnativi che girano in italia, purtroppo, eh si perchè va per la maggiore la commedia, piuttosto che storie diverse. Fortunatamente escono pure loro; e menomale direi.
Il segreto del bosco vecchio si presenta subito come un film differente dalla solita melma che usciva in sala: Il film è uscito 24 anni fa, e, nonostante il tempo passato possiede ancora la stessa magia di quando è uscivo; è inutile negarlo.
Non conosco molto Ermanno Olmi, mia mancanza lo ammetto, devo pur riconoscere che è un grande regista perchè ha saputo cogliere la poesia e la magia di un misterioso bosco, riuscendo ad incantare gli spettatori.
Film del genere li fanno soltanto i grandi maestri del cinema, e con questo ho detto tutto.
La storia in se è una fiaba, capace anche di trasportarti in un mondo incredibile che può cambiare la concezione della vita del protagonista.
E la cambierà.
Ovviamente c'è da dire che questo soldato un po' burbero, all'inizio non si capaciterà di questa storia del bosco che ha ereditato, e deve anche prendersi cura di un bambino, le cose non saranno certo facili, ma piano piano l'uomo rimarrà conquistato dal luogo e soprattutto dal bosco, che con i suoi misteri e la sua poesia farà in modo che l'uomo difenda il luogo; che è costantemente minacciato dal disboscamento.
Riusciranno lui e il bambino a salvare il bosco preservando la sua innocenza?
Un film magico, che racchiude in se le fiabe di una volta, emozionante e coinvolgente come pochi film sanno essere, e anche un richiamo al rispetto della natura, molte volte è una cosa che si dimentica.
Paolo Villaggio, che recentemente è scomparso e mi sono unita anche io per celebrarlo, perchè seppur vero che non mi è mai piaciuto, devo riconoscere che anche lui ha fatto la storia del nostro cinema, e volente o nolente devo celebrarlo.
Comunquesia è giusto ribadire che bisogna conoscere anche un autore come Ermanno Olmi, cercherò di recuperare questa lacuna.
Intanto guardatevi questo film, che sicuramente vi conquisterà e vi farà tornare bambini almeno per le sue due ore di durata.


Questo blog partecipa alle celebrazioni di Paolo Villaggio con Villaggio Globale

 

Commenti

  1. Affascinante e molto dolce, con l'unico difetto di avere degli attori pessimi. Villaggio spicca per bravura ma in questo caso "ci piace vincere facile" XD

    RispondiElimina
  2. Strano confessarlo ma questo non l'ho mai visto, mai affascinato o interessato nonostante Villaggio, comunque mi fido del tuo giudizio e di Babol ;)

    RispondiElimina
  3. Il romanzo è un classico e l'adattamento tutto sommato funziona, sono forse più legato al libro, il film lo ricordo proprio per la prova di Villaggio, hai fatto bene a sceglierlo per questo ricordo all'attore ;-) Cheers

    RispondiElimina
  4. Mi vergogno a dirlo... Ma mi manca :P
    Beh, Villaggio Globale serve anche a questo :)

    RispondiElimina
  5. Anche a me manca questo, devo dire che del Villaggio impegnato ho visto solamente IO speriamo che me la cavo e questo qui non l'ho mai nemmeno sentito se devo essere sincero!

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

Nightmare Alley - La Fiera delle Illusioni

  C'è chi con le illusioni ci campa una vita intera... C'è chi usa le illusioni per scopi personali... C'è chi usa le illusioni per giocare con le vite altrui... Dobbiamo renderci conto che questo film, pur essendo un remake, è girato maledettamente bene, forse non è perfetto, ma è buono, e questo basta e avanza per guardarlo. Un film dove Cate Blanchett fa la cattiva non si può perdere, affatto. Alla regia abbiamo quel grandissimo regista che risponde al nome di Guillermo del Toro , da me amatissimo, sin dalla prima volta che vidi  Mimic , in cui recita anche il nostro Giancarlo Giannini , ma è con  Il Labirinto del Fauno , che è entrato nella rosa dei miei registi preferiti, e da allora ho sempre cercato di guardarli i suoi film. Non sono tutti presenti alla fabbrica, ma vi assicuro che ben presto arriveranno, e questa è una mia promessa. Nightmare Alley  si allontana dal genere fantastico che di solito dirige, e così Del Toro  firma un Noir , all'inizio ambientato in

È stata la mano di Dio

  Paolo Sorrentino è un regista che ho sempre apprezzato molto, anche se fino ad oggi non mi era ancora entrato nel cuore. È Stata la mano di Dio è decisamente l'opera fresca, ispirata e molto autobiografica di Sorrentino. Ma è anche un opera, matura, coinvolgente ed emozionante dove  l'autore racconta sed stesso, a cuore aperto, e lo fa in maniera sincera e coinvolgente colpendomi finalmente al cuore. Si perché questo piccolo ma grande film, sfiora di poco il capolavoro, impossibile non affezionarsi a Fabietto, autentico alter ego di Sorrentino in cui attraverso di lui, ci narra la sua adolescenza, nella Napoli degli anni 80, fino alla catarsi finale, quando a causa di un esplosione perde i genitori, fatto che ha cambiato la sua vita per sempre. Poi c'è quella zia un po' matta, che si dice sia ninfomane, personaggio inventato per il film, che è l'unica che capisce quel ragazzo timido dalle ambizioni artistiche. In conclusione, È Stata la Mano di Dio è la migliore p

Acque Profonde

  Anche io ho voluto vedere Acque Profonde di Adrian Lyne , il regista di 9 settimane e mezzo è riuscito a sorprendermi? Leggete la recensione e lo scoprirete.