Passa ai contenuti principali

Villaggio Globale - Il segreto del bosco Vecchio

Premessa: Non sono mai stata una fan di Paolo Villaggio, però ho apprezzato diverse sue interpretazioni, la prima, nel geniale film del grande Fellini La Voce della Luna, e il secondo con questo film di Ermanno Olmi.

Devo dire che non sono molti i film impegnativi che girano in italia, purtroppo, eh si perchè va per la maggiore la commedia, piuttosto che storie diverse. Fortunatamente escono pure loro; e menomale direi.
Il segreto del bosco vecchio si presenta subito come un film differente dalla solita melma che usciva in sala: Il film è uscito 24 anni fa, e, nonostante il tempo passato possiede ancora la stessa magia di quando è uscivo; è inutile negarlo.
Non conosco molto Ermanno Olmi, mia mancanza lo ammetto, devo pur riconoscere che è un grande regista perchè ha saputo cogliere la poesia e la magia di un misterioso bosco, riuscendo ad incantare gli spettatori.
Film del genere li fanno soltanto i grandi maestri del cinema, e con questo ho detto tutto.
La storia in se è una fiaba, capace anche di trasportarti in un mondo incredibile che può cambiare la concezione della vita del protagonista.
E la cambierà.
Ovviamente c'è da dire che questo soldato un po' burbero, all'inizio non si capaciterà di questa storia del bosco che ha ereditato, e deve anche prendersi cura di un bambino, le cose non saranno certo facili, ma piano piano l'uomo rimarrà conquistato dal luogo e soprattutto dal bosco, che con i suoi misteri e la sua poesia farà in modo che l'uomo difenda il luogo; che è costantemente minacciato dal disboscamento.
Riusciranno lui e il bambino a salvare il bosco preservando la sua innocenza?
Un film magico, che racchiude in se le fiabe di una volta, emozionante e coinvolgente come pochi film sanno essere, e anche un richiamo al rispetto della natura, molte volte è una cosa che si dimentica.
Paolo Villaggio, che recentemente è scomparso e mi sono unita anche io per celebrarlo, perchè seppur vero che non mi è mai piaciuto, devo riconoscere che anche lui ha fatto la storia del nostro cinema, e volente o nolente devo celebrarlo.
Comunquesia è giusto ribadire che bisogna conoscere anche un autore come Ermanno Olmi, cercherò di recuperare questa lacuna.
Intanto guardatevi questo film, che sicuramente vi conquisterà e vi farà tornare bambini almeno per le sue due ore di durata.


Questo blog partecipa alle celebrazioni di Paolo Villaggio con Villaggio Globale

 

Commenti

  1. Affascinante e molto dolce, con l'unico difetto di avere degli attori pessimi. Villaggio spicca per bravura ma in questo caso "ci piace vincere facile" XD

    RispondiElimina
  2. Strano confessarlo ma questo non l'ho mai visto, mai affascinato o interessato nonostante Villaggio, comunque mi fido del tuo giudizio e di Babol ;)

    RispondiElimina
  3. Il romanzo è un classico e l'adattamento tutto sommato funziona, sono forse più legato al libro, il film lo ricordo proprio per la prova di Villaggio, hai fatto bene a sceglierlo per questo ricordo all'attore ;-) Cheers

    RispondiElimina
  4. Mi vergogno a dirlo... Ma mi manca :P
    Beh, Villaggio Globale serve anche a questo :)

    RispondiElimina
  5. Anche a me manca questo, devo dire che del Villaggio impegnato ho visto solamente IO speriamo che me la cavo e questo qui non l'ho mai nemmeno sentito se devo essere sincero!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.