Passa ai contenuti principali

Moon

Moon è l'esordio alla regia di Duncan Jones, figlio della rockstar David Bowie, che di cinema dimostra di avere talento e soprattutto che ha imparato bene la lezione di Kubrick su 2001 odissea nello spazio, menzione speciale anche a un grandissimo Sam Rockwell, protagonista assoluto che qui dimostra veramente di essere molto bravo, interpretando sia un astronauta che il suo clone, ma, soprattutto le mille sfaccettature di una personalità, fate attenzione anche al robot, che nella versione originale è doppiato da Kevin Spacey, somiglia ma alla lontana all' hall 9000 dell'odissea Kubrickiana...
Non è un film facile, ma nell'insieme è piuttosto complesso, ma Duncan Jones sapendolo ha la capacità di tenere sulle spine lo spettatore su come andrà a finire la storia.






Naturalmente  Sam Rockwell, per cui il film è stato scritto e girato, è la vera forza trainante della storia, non perde mai di vista la solitudine del personaggio, anzi ne sottolinea le diverse personalità e i diversi volti incarnati nei cloni costruiti per fare restare Sam Bell, il più possibile sul terreno lunare, principalmente Sam è andato sulla luna per prendere una sostanza necessaria per la salvezza della terra in crisi energetica, ma un incidente gli fa perdere conoscenza, quando si sveglia scopre che c'è un altro Sam Bell, generato e creato dal computer GERTY, quando si sveglia, Sam non crede sia reale il suo clone, ma frutto di una allucinazione, con un trucco decide di uscire dalla navetta.
Una volta uscito, scopre una navetta incidentata
in cui c'è il corpo del primo Sam in stato di incoscienza


 Ora i due Sam dovranno ricostruire il passato del primo, ma prima il vero Sam deve capire chi ha davanti e come è successo che esiste un altra persona uguale a lui nella navetta spaziale, riusciranno a scoprire che la navetta spaziale ha le antenne spente e non riceve segnali dalla terra, così per riuscire a tornare a casa, cercano di svegliare un altro clone...

Un ottimo omaggio ai grandi film di fantascienza, e nonostante la giovane età Duncan Jones fa un opera personale e sincera, che lascia il segno nello spettatore, allontanandosi dagli stereotipi e dagli omini verdi che tanto hanno reso famoso il genere, in questo film che mescola sia Kubrick che Tarkovskij, lasciando la sua impronta personale, un ottimo esordio senza dubbio, e sentiremo ancora parlare di questo giovane autore ne sono sicura, in conclusione, un piccolo capolavoro, che merita di essere visto e collezionato e soprattutto un ottima prova per Sam Rockwell, che avrebbe meritato più di un riconoscimento

 In questo film non c'è la classica domanda siamo soli  o no nell'universo, ma c'è un uomo che si interroga sulla sua esistenza e sulla sua follia, e a interpretare una parte del genere ci voleva un attore preparato, perchè il ruolo è già difficile e complesso, e solo Rockwell riesce a incarnare queste idiosincrasie
la solitudine, la tristezza, il dolore di non vedere nessun essere umano per tanto tempo, è davvero bravo ad esprimere questi sentimenti anche con un solo sguardo...
Naturalmente Duncan Jones con la sua regia è come la classica ciliegina sulla torta, un opera adulta e matura, come difficilmente escono nei cinema negli ultimi anni, anzi il più delle volte sono pieni di effetti speciali  e fracassoni, qui l'unico effetto speciale è un uomo e i suoi sentimenti e questo ci  basta, dieci e lode. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…