Passa ai contenuti principali

Distretto 13 - Le brigate della morte

Nel 1976, John Carpenter, esordisce con questo piccolo film, che negli anni è diventato un cult movie e per alcuni persino un capolavoro, se oggi mettiamo sugli allori Tarantino e il suo cinema allora dopo aver visto questo film sicuramente scopriremo che il giovane Quentin ha tanto da imparare. Sono una estimatrice di John Carpenter, da un bel po' di tempo, quindi in un certo senso sono di parte, eppure guardando questo piccolo gioiello, che per altro è stato ispirato dal film un dollaro d'onore di Howard Hawks, regista molto amato da Carpenter, che lo citerà a lungo anche in un altro dei suoi capolavori horror Vampire, in cui ci recita anche James Woods...ma veniamo a noi, distretto tredici mostra senza peli sulla lingua un vero assalto a un distretto di polizia da parte di una gang per vendicare i loro alleati uccisi da dei poliziotti, l'ambientazione di Carpenter, anche se la città brulica di un sole accecante è di per se inquietante, nell'ambiente già si respira un aria violenta, sensazione resa ancora più accesa dall'uso della mdp che filma le armi come se fosse uno strumento dell'arma stessa, particolarmente agghiacciante la scena della sparatoria al gelataio, in cui muore la bambina, segno che ormai in città non esiste nè legge nè compassione, ma esiste la legge del più forte, della gang, che non si può sopraffare, perchè sono loro a comandare, ma è nel distretto che la cosa diventa più difficile, e il film ovviamente diventa claustrofobico, alcuni poliziotti sono costretti a restare dentro il distretto altrimenti rischiano di morire, qui si incontrano alcuni galeotti che aiuteranno i poliziotti assaltati...Azione, violenza, in un western metropolitano molto amato soprattutto anche dal prima citato Tarantino e venne citato anche nel film dal tramonto all'alba dove uno degli attori portava la maglietta di distretto 13, chicche cinefile succulente per far conoscere capolavori, sicuramente, anche se a me piace pure Tarantino, e sicuramente si è ispirato anche a questo film per il suo cinema, Carpenter, che da sempre mette la sua impronta e il suo stile omaggiando i film che ama, firma un opera ispirata, un piccolo grande gioiellino che non può mancare in una collezzione che si rispetti.

Commenti

  1. Buongiorno Arwen,
    Ti contatto tramite commento perché non ho trovato nessun altro modo per farlo.
    Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano adatti a far parte di certe rubriche del nostro sito e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

    Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti, domande o suggerimenti,

    Cordialmente,
    Silvia
    silvia@paperblog.com
    http://it.paperblog.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.