Passa ai contenuti principali

Distretto 13 - Le brigate della morte

Nel 1976, John Carpenter, esordisce con questo piccolo film, che negli anni è diventato un cult movie e per alcuni persino un capolavoro, se oggi mettiamo sugli allori Tarantino e il suo cinema allora dopo aver visto questo film sicuramente scopriremo che il giovane Quentin ha tanto da imparare. Sono una estimatrice di John Carpenter, da un bel po' di tempo, quindi in un certo senso sono di parte, eppure guardando questo piccolo gioiello, che per altro è stato ispirato dal film un dollaro d'onore di Howard Hawks, regista molto amato da Carpenter, che lo citerà a lungo anche in un altro dei suoi capolavori horror Vampire, in cui ci recita anche James Woods...ma veniamo a noi, distretto tredici mostra senza peli sulla lingua un vero assalto a un distretto di polizia da parte di una gang per vendicare i loro alleati uccisi da dei poliziotti, l'ambientazione di Carpenter, anche se la città brulica di un sole accecante è di per se inquietante, nell'ambiente già si respira un aria violenta, sensazione resa ancora più accesa dall'uso della mdp che filma le armi come se fosse uno strumento dell'arma stessa, particolarmente agghiacciante la scena della sparatoria al gelataio, in cui muore la bambina, segno che ormai in città non esiste nè legge nè compassione, ma esiste la legge del più forte, della gang, che non si può sopraffare, perchè sono loro a comandare, ma è nel distretto che la cosa diventa più difficile, e il film ovviamente diventa claustrofobico, alcuni poliziotti sono costretti a restare dentro il distretto altrimenti rischiano di morire, qui si incontrano alcuni galeotti che aiuteranno i poliziotti assaltati...Azione, violenza, in un western metropolitano molto amato soprattutto anche dal prima citato Tarantino e venne citato anche nel film dal tramonto all'alba dove uno degli attori portava la maglietta di distretto 13, chicche cinefile succulente per far conoscere capolavori, sicuramente, anche se a me piace pure Tarantino, e sicuramente si è ispirato anche a questo film per il suo cinema, Carpenter, che da sempre mette la sua impronta e il suo stile omaggiando i film che ama, firma un opera ispirata, un piccolo grande gioiellino che non può mancare in una collezzione che si rispetti.

Commenti

  1. Buongiorno Arwen,
    Ti contatto tramite commento perché non ho trovato nessun altro modo per farlo.
    Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano adatti a far parte di certe rubriche del nostro sito e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

    Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti, domande o suggerimenti,

    Cordialmente,
    Silvia
    silvia@paperblog.com
    http://it.paperblog.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.