Passa ai contenuti principali

Frankenstein

James Whale, traduce per lo schermo Frankenstein e ne fa un opera personalissima forse tra le più inquietanti della storia del cinema.
La cosa che più spaventa il Frankenstein non sono gli attori in se, ma la straordinaria performance di Boris Karloff nei panni della creatura creata dallo scienziato pazzo, un completo automa senza coscienza, incapace di pensare e di ragionare, la creatura agisce per istinto, ed è questo istinto a travolgere le vite di Frankenstein e della sua famiglia...
Whale, allontanandosi dal romanzo originale di Mary Shelley, gira questo film che è da considerarsi uno dei capolavori assoluti del genere horror di tutti i tempi, ma il merito di tutto la da la creatura, è proprio grazie alla sua straordinaria Performance, che il film è diventato una leggenda, tra le scene migliori resta indimenticabile quella con la bambina che lo acoglie e butta i fiori in acqua, e poi la creatura la butta in acqua, sottolineando che la creatura può avere un anima, perchè non capisce infondo che se la bambina viene buttata in acqua può morire, è come un bambino abbandonato senza guida, senza nessuno che gli insegni il bene o il male, forse anche questo fatto terrorizza lo spettatore, io sono rimasta impressionata dalla qualità delle immagini, e dalla forza delle scene, che restano indimenticabili per tutti gli amanti dell'horror, Whale con questo film gira uno dei capolavori horror, di fortissimo impatto, da notare anche l'inizio, dove un uomo ci dice che quello che stiamo per vedere ci terrorizzerà, ed ha ragione, a me ha spaventato tanto, e frankenstein di James Whale, è già nella lista dei miei horror preferiti, forse anche essendosi allontanato dal capolavoro di Mary Shelley, lo ha reinventato portando la figura di Frankenstein nella leggenda cinematografica di tutti i tempi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.