Passa ai contenuti principali

I misteri del giardino di Compton House


Con questo film Peter Greenaway ha il suo primo successo di pubblico, I misteri del giardino di Compton house fotografa una società in decadenza, il film è ambientato nell'inghilterra di fine 1600, ovvero l'epoca barocca, in cui tutti i protagonisti hanno qualcosa da nascondere, dei segreti che piano piano vengono alla luce attraverso dei disegni che una ricca donna commissiona all'artista Neville per farne dono al marito, partito per Southhampton, al suo ritorno a casa, Neville sottovaluta l'offerta della ricca signora perchè in cambio se lui farà ciò che lei gli chiederà, lei lo farà divertire nel suo letto, ben presto anche la figlia della ricca signora gli farà firmare lo stesso contratto...e piano piano tutti i nodi vengono al pettine, a cominciare dai primi indizi che senza volerlo lui inserisce nei disegni e che sono svelati nel bellissimo giardino che circonda la casa, non sapendo che quei disegni sono in realtà indizi che portano alla rivelazione di un omicidio...come mai il padrone di casa non è mai arrivato?

Il bellissimo giardino, che fa da sfondo al film è il vero teatro dove si celano riti e segreti di un gioco in cui Neville è l'ignara pedina, o per meglio dire il caprio espiatorio di un delitto considerati i disegni, che, per gli inquilini del palazzo, tra cui il marito della figlia della ricca signora e alcuni suoi amici, sono le prove certe della sua colpevolezza...

Il film è un capolavoro sotto tutti i punti di vista, grandiose le scenografie e i costumi come splendida è la colonna sonora di Michael Nymann, Peter Greenaway firma uno dei suoi migliori film, con il pregio di giocare con lo spettatore tra l'astuzia e la furbizia, di chi guarda un film in costume che si trasforma in un piccolo giallo, in cui nessuno è quello che sembra o che si fa vedere...il film rivela anche la stupidità con cui Neville per avere le grazie della ricca signora sottovaluta il  suo gioco, e  ne diventa l'inconsapevole bersaglio, come un topolino in gabbia in cui ne resterà incastrato.

Commenti

  1. bellissimo, pieno di tocchi di genio e di personaggi stravaganti (che dire di quella specie di enigmatico folletto di cui non si capisce neanche il senso? Irresistibile!)

    RispondiElimina
  2. si vero, inoltre ho avuto la sensazione che il protagonista sia stato attirato in una trappola di un gioco più grande di lui, e ne dividne caprio espiatorio involontariamente...

    RispondiElimina
  3. Poco altro da dire, film immenso!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.