Passa ai contenuti principali

Cercasi Tim disperatamente...

 ho visto Alice in Wonderland, un film senz'anima, diretto da un autore senza ispirazione, e che è al di sotto delle sue possibilità così si affida al più tecnologico 3D, ma questo non è Tim Burton, Tim Burton è la stop motion, spiritelli sardonici che detestano i viventi, un freak creato da un simil frankenstein malinconico e poetico, un cane creato da un ragazzino, il re di Halloween che scopre il natale e lo vuole portare nella sua città, un figlio che scopre che le favole raccontate dal padre sono in realtà la sua vita e le sue avventure straordinarie, Tim Burton è Batman, il dark, e si anche Sweeney Todd, la sposa cadavere e la fabbrica di cioccolato, ma di certo non questo Alice in Wonderland, non questo film assolutamente, mi aspettavo tanto da questo film, e invece credo sia uno dei più brutti realizzati da questo grande regista, ma come mai si è ridotto al 3D lui che ha sempre creato capolavori in stop motion? E anche Johnny depp che in questo film è totalmente fuori parte che la sua parte rasenta il ridicolo e il comico involontario, ma che è successo al Tim Burton che ho conosciuto e ho imparato ad amare?


 Al Tim che era in grado di commuovermi con la scena di Victor che suonava al pianoforte una struggente malinconica melodia e Victoria lo raggiungeva incantata? Al Tim che ha saputo spiazzarmi anche con Sweeney Todd, oppure con La fabbrica di cioccolato? Al Tim che ha creato quella meravigliosa fiaba chiamata Big Fish? Di quel Tim oggi ne resta solo l'ombra, un vago ricordo ed è un peccato perchè è un regista dalle potenzialità eccezzionali, un vero genio, ogni tanto capita una crisi, ma una crisi del genere per me è drammatica, perchè Tim è anche uno dei miei registi preferiti in assoluto, ed è con rammarico che stasera sto scrivendo questo articolo, anche perchè è un dispiacere vedere ridotto un enorme talento come lui a fare un filmetto che va al di sotto delle sue possibilità, ci mette attori come Anne Hathaway, per carità non ce l'ho con lei, e la sconosciuta Mia Wasikowska, il film si perde dentro personaggi creati al computer che sembrano pupazzi senz'anima, senza una loro personalità (che differenza dai tempi di Nightmare Before Christmas, in cui Jack Skeletron aveva una personalità che bucava lo schermo) che sembrano pompati tanto per fare scena, poi le due attrici sopracitate non fanno parte del mondo di Tim assolutamente, sono praticamente sconosciute, non incarnano il suo universo come anche solo Helena Bonham Carter sa fare (la sua regina rossa è il personaggio migliore del film, anche se in 3D è l'unico personaggio di tutto il film che si avvicina al mondo di Tim Burton), come dice l'articolo di questo articolo, Cercasi Tim disperatamente...

 E il motivo è subito spiegato, Johnny e Tim insieme hanno fatto film straordinari soprattutto lo splendido Ed Wood - il punto più alto della carriera di Tim Burton e Johnny Depp oltre naturalmente Edward Mani di forbice dove Tim rivela tutta l'ossessione per frankenstein di Mary Shelley, tema portante di tutta la sua filmografia, in stop motion e non, vorrei che tornasse a fare film per passione e ispirazione come quelli che faceva un tempo, e il chè non è mai male, a me piace ricordarlo con Jack skeletron e con questa scena...

 

Commenti

  1. Non posso che essere d'accordo con te. Mi aspettavo molto da Tim Burton e invece non avevo considerato la Disney.
    In giro su Internet ho trovato perlopiù recensioni assolutamente negative come la tua, ma altre positive anche da chi ama Carroll e Tim Burton anche se alcuni di questi hanno visto solo la versione Disney.

    RispondiElimina
  2. Ah un'altra cosa: ho voluto dedicare anch'io un post ad Alice e al suo mondo partendo dal film di Tim Burton e finendo poi col voler esplorare dal principio il mondo realizzato da Carroll.
    Questo è il link: http://almacattleya.blogspot.com/2010/03/una-bambina-di-nome-alice.html

    vieni pure se vuoi.

    RispondiElimina
  3. non ancora visto, ma ho sempre più paura a farlo, visto che ne parlano tutti male.. (anche e soprattutto i fan di tim burton)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.