Passa ai contenuti principali

Open Water

Open Water è un film tratto dalla storia vera di due sommozzatori dimenticati nel mare aperto per uno sbaglio di conteggio, un ragazzo e una ragazza che avevano deciso di fare un break con la loro vita e si ritrovano in preda a squali, meduse in mare aperto senza che nessuno  li soccorrerà, un altro esempio di reality cinema, girato in digitale, con una troupe ridotta  all'osso il cui compito è terrorizzare lo spettatore, con momenti di alta tensione, che in certi momenti fanno accapponare la pelle.
Non sono una estimatrice del reality cinema già riesco a concepire a malappena l'idea del reality in tv pur non guardandolo, ma questo film fa impressione, fa impressione perchè i due protagonisti sono in balia della natura, a loro può capitare di tutto, durante la visione avevo il timore che ci fossero scene piuttosto forti, ma le uniche scene forti sono le sensazioni che la pellicola è stata in grado di suscitare.



Perchè ci sono solo emozioni, sono le sensazioni forti a tenere lo spettatore sulle spine, si prova veramente di tutto, il film di per se sembra girato da una telecamera amatoriale, accentua di più nello spettatore il senso di smarrimento dei protagonisti, che sembrano essere entrati in una situazione più grande di loro, sono inermi, indifesi, vittime di qualcosa di invisibile che li minaccia, e man mano che passa il tempo questa minaccia sembra avanzare inesorabile, come se volesse inghiottirli dentro una voragine, sensazione resa abbastanza grande anche all'uso della fotografia prima chiara, poi offuscata, poi ancora cromata e infine rosso sangue, molto bravi i protagonisti, e soprattutto anche spiazzante il finale, in cui vorresti che almeno uno di loro si salvasse.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.