Passa ai contenuti principali

A Venezia...un dicembre rosso Shocking

Sono dei piccoli dettagli, che portano alla strada degli eventi, e tramite questi piccoli dettagli, che inizia A Venezia...un dicembre rosso shocking, che sono dei piccolissimi indizzi come la palla che si muove in campagna, un bimbo che gira con la bici, una bimba che cammina tra l'erba e che alla fine scivola e muore, nel frattempo la macchina da presa si muove dentro casa, un uomo e una donna che visionano delle fotografie di una chiesa, parlano del più e del meno, fino allo shock del ritrovamento del corpo. Nicolas Roeg si muove verso una direzione causa effetto che non abbandona mai lo spettatore, tesse la sua trama in maniera avvincente da fare incollare letteralmente allo schermo lo spettatore, così la coppia si trasferisce a Venezia, dove John è stato chiamato a restaurare una chiesa, durante un pranzo la coppia si accorge di due sorelle, che li osservano, e che una di loro, la cieca dice di aver visto Christine, la bambina morta insieme a loro che rideva felice, naturalmente Laura spera di avere un contatto con la figlia defunta, da qui iniziano i litigi e le tensioni tra lei e suo marito, che non crede affatto nelle intenzioni delle due sorelle, ma ben presto dovrà ricredersi e ricominciano i dettagli, come nella bellissima scena erotica tra lui e sua moglie, una delle più intense e naturali mai girate, ma avverrà qualcosa che lui non aveva previsto, al figlio rimasto a casa capita un incidente e Laura dovrà tornare, non prima di aver detto al marito che doveva lasciare Venezia, e che era in pericolo, avvertimento datole dalla donna cieca, a cui il marito preferisce sottovalutare, così rimane, e sarà proprio il dolore per la perdita della figlioletta a mostrargli che anche lui ha lo stesso dono della donna cieca, è un sensitivo, ma poichè non sa controllare bene i suoi poteri, e per sentire ancora nel cuore il dolore della figlioletta morta a incrociare il suo destino con quello dell'omicida che insanguina Venezia...non prima di aver visto la moglie con le due medium su una gondola vestita a lutto, così va alla polizia per cercare le due sorelle, quando le raggiunge vuole delle spiegazioni, che naturalmente la cieca gli darà, particolarmente intensa anche l'ultima scena, e qui si incrocia anche con la visione di Christine, in cui Roeg gioca con lo spettatore al gatto col topo fino alla sorpresa che chi ha l'impermeabile rosso non è Christine, ma il vero omicida...particolarmente inquietante l'ultima scena, e alla fine il cerchio si chiude, mostrando Laura accompagnata dalle sorelle, fino a raggiungere la chiesa...il tutto musicato dalle struggenti note di Pino Donaggio che proprio con questo film esordisce come compositore di colonne sonore...magistrale.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.