Passa ai contenuti principali

A Venezia...un dicembre rosso Shocking

Sono dei piccoli dettagli, che portano alla strada degli eventi, e tramite questi piccoli dettagli, che inizia A Venezia...un dicembre rosso shocking, che sono dei piccolissimi indizzi come la palla che si muove in campagna, un bimbo che gira con la bici, una bimba che cammina tra l'erba e che alla fine scivola e muore, nel frattempo la macchina da presa si muove dentro casa, un uomo e una donna che visionano delle fotografie di una chiesa, parlano del più e del meno, fino allo shock del ritrovamento del corpo. Nicolas Roeg si muove verso una direzione causa effetto che non abbandona mai lo spettatore, tesse la sua trama in maniera avvincente da fare incollare letteralmente allo schermo lo spettatore, così la coppia si trasferisce a Venezia, dove John è stato chiamato a restaurare una chiesa, durante un pranzo la coppia si accorge di due sorelle, che li osservano, e che una di loro, la cieca dice di aver visto Christine, la bambina morta insieme a loro che rideva felice, naturalmente Laura spera di avere un contatto con la figlia defunta, da qui iniziano i litigi e le tensioni tra lei e suo marito, che non crede affatto nelle intenzioni delle due sorelle, ma ben presto dovrà ricredersi e ricominciano i dettagli, come nella bellissima scena erotica tra lui e sua moglie, una delle più intense e naturali mai girate, ma avverrà qualcosa che lui non aveva previsto, al figlio rimasto a casa capita un incidente e Laura dovrà tornare, non prima di aver detto al marito che doveva lasciare Venezia, e che era in pericolo, avvertimento datole dalla donna cieca, a cui il marito preferisce sottovalutare, così rimane, e sarà proprio il dolore per la perdita della figlioletta a mostrargli che anche lui ha lo stesso dono della donna cieca, è un sensitivo, ma poichè non sa controllare bene i suoi poteri, e per sentire ancora nel cuore il dolore della figlioletta morta a incrociare il suo destino con quello dell'omicida che insanguina Venezia...non prima di aver visto la moglie con le due medium su una gondola vestita a lutto, così va alla polizia per cercare le due sorelle, quando le raggiunge vuole delle spiegazioni, che naturalmente la cieca gli darà, particolarmente intensa anche l'ultima scena, e qui si incrocia anche con la visione di Christine, in cui Roeg gioca con lo spettatore al gatto col topo fino alla sorpresa che chi ha l'impermeabile rosso non è Christine, ma il vero omicida...particolarmente inquietante l'ultima scena, e alla fine il cerchio si chiude, mostrando Laura accompagnata dalle sorelle, fino a raggiungere la chiesa...il tutto musicato dalle struggenti note di Pino Donaggio che proprio con questo film esordisce come compositore di colonne sonore...magistrale.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.