Passa ai contenuti principali

Videodrome



Film manifesto di David Cronenberg, nonchè un capolavoro assoluto sia della storia del cinema, che della filmografia di Cronenberg, Videodrome parte in quarta sul potere che hanno le immagini televisive, e il loro grado di assuefazione che la televisione genera a chi la guarda, quasi come fosse una mutazione fisica e psicologica della realtà, come se la tv stessa fosse capace di non fare ragionare la gente e di trasformare la realtà a proprio piacimento, ed è proprio questo che succede a Max, proprietario di una televisione dove si vede sesso e violenza, quando scopre videodrome, una televisione via cavo capace quasi di ipnotizzare gli spettatori perchè ciò che si vede in videodrome è violenza vera ed è proprio questa violenza che riesce ad uscire dal piccolo schermo per entrare nella realtà, film che ha anticipato di gran lunga gli snuff movie, è un opera innovativa che ha fatto scuola, capace di essere paragonata al cinema di George Romero, uno dei padri del genere horror, insieme a Cronenberg, Videodrome edulcolora la realtà, è come una droga, capace di dare assuefazione e di fare avere allucinazioni a chi la guarda, allucinazioni che modificano la percezione della realtà, quando anche Max si accorge che la sua amante Nicki è in preda a Videodrome, cerca di avere delle informazioni, quelle informazioni le ottiene dalla figlia di uno dei creatori di Videodrome, infatti lo informa che è causa di un tumore che fa venire delle allucinazioni, ma visto che ha scoperto questo programma pirata, coloro che lo hanno inventato fanno di tutto per prendere possesso della televisione di max programmandolo come fosse uno scoiattolino da laboratorio, ma sarà proprio la figlia di uno dei creatori di videodrome a liberarlo per far si che questo scempio si fermi...Qui David Cronenberg è alla sua massima espressione cinematografica, esattamente dopo il capolavoro Brood - la covata malefica, qui porta all'estremo la mutazione fisica, e psicologica, Videodrome è un opera impressionante, ma che resta impressa nella memoria per la potenza delle immagini e la riflessione verso la società, Videodrome è un capolavoro assoluto, anche per la capacità di analizzare una critica verso la tv capace di assuefare la gente...da questo film in poi sono nati anche i vari The truman show e tutti gli altri film critici sulla tv, ma solo Videodrome è capace di impressionare  e di inquietare

Commenti

  1. grandioso film
    e grande anche blondie (deborah harry)!

    RispondiElimina
  2. si vero, James Woods qui è nella sua migliore interpretazione, oltretutto non è un ruolo facile, ma è abbastanza complesso...poi considero questo film come il capolavoro massimo di Cronenberg

    RispondiElimina
  3. in molti indicano questo film come il miglior risultato di cronenberg, io personalmente ne preferisco altri; certo è che Videodrome ha avuto una capacità anticipatoria nel trattare temi assolutamente inediti nel cinema (fino ad allora) e ha dato il via ad una serie di variazioni sul tema. Se consideriamo poi che Internet non esisteva ancora per l'utente comune, la sua critica ai new media lo rende davvero un film precursore dei tempi.

    RispondiElimina
  4. Enormità di film, Woods poi é stato il più faccia da schiaffi di tutti gli attori Cronenberghiani, scegliere uno che fa trasparire cosi tanta sicurezza di se, per una parte dove devi perdere tutto, amplifica il messaggio finale come fa il segnale Videodrome ;-) Cheers

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.