Passa ai contenuti principali

Lasciami Entrare

Oskar e Eli, sono due bambini svedesi, il primo è continuamente tormentato dai compagni di classe, la seconda è una dodicenne pallida che si è appena trasferita nel suo palazzo, una sera durante la quale Oskar  immagina di pugnalare un compagno di classe sfogandosi su un albero i due ragazzini si incontrano, all'inizio c'è della diffidenza, nel frattempo però iniziano ad accadere strane morti, strane uccisioni, che sono collegate con Eli e il padre entrambi vampiri, ma di questo Oskar non ne è a conscenza.
Dopo questa diffidenza piano piano tra i due ragazzini nasce una profonda amicizia, nasce dell'affetto che si trasformerà piano piano in qualcosa di più profondo, dato che sono molto simili caratterialmente.
Dimenticatevi il classico film horror sui vampiri, dimenticate twilight, anche se un po' ne tratteggia la novità di allontanarsi dall'horror classico, lasciami entrare è un opera che va aldilà dei classici filmetti di cassetta per adolescenti o dei classici horror, lasciami entrare è qualcosa di più.
Innanzitutto si può definire un film sull'infanzia, scritto benissimo da John Ajvide Lindqvist, autore del romanzo da cui il film è tratto, ma visto che si parla di vampiri il sangue scorre, con la differenza che lo spettatore non si disgusti dinanzi alle scene sanguinose del film, ma anzi riesce ad entrare in empatia con i personaggi, comprende le loro ragioni, il loro essere, Oskar e Eli si ritrovano perchè entrambi sono dei bambini spaventati, Oskar perchè non è accettato dai suoi compagni di classe, Eli perchè è una vampira, da notare la paura di Eli ogni volta che appare, e anche la sua natura assassina, il suo essere vampira è una cosa che lei usa per vivere, e per continuare a vivere deve bere del sangue, e non è facile per una bambina vivere in questo modo, come non è facile per Oskar, entrambi si ritrovano, si conoscono, comunicano, provano qualcosa l'uno verso l'altro, in conclusione Laciami Entrare per me è un piccolo capolavoro che merita di essere visto e rivisto più di qualsiasi twilight, che a differenza è un filmetto di cassetta  per adolescenti in calore, sono sicura che tra dieci anni sentiremo parlare ancora di Lasciami Entrare, mi darete ragione? Spero di si.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.