Passa ai contenuti principali

Sin City

Film fumetto tratto dalla graphic novel di Frank Miller che qui fa anche il suo esordio alla regia co-dirigendo il film con Robert Rodriguez...
Cos'è Sin City? Sin City è la città del peccato in cui si intrecciano storie di violenza suburbana, c'è la storia del poliziotto, Hartigan (Bruce Willis) che ha salvato una ragazzina (Nancy) da un maniaco e lo lasciamo quasi morente in mezzo alla strada una volta che il suo collega gli ha sparato, c'è Marv che dopo aver passato la notte con una prostituta (Goldie) se la trova cadavere sul letto e comincia a dare la caccia al suo assassino...
Poi c'è la storia del poliziotto psicopatico interpretato da Benicio del toro - in realtà è il personaggio più fuori di testa del film - che viene ucciso da delle prostitute insieme al nuovo amichetto della ex ragazza del poliziotto scatenando la fine della tregua tra le ragazze e la polizia, tregua che nonostante ciò verrà rimessa apposto facendo alla loro maniera eliminando coloro che volevano la guerra.
Poi c'è di nuovo Nancy, che fa la ballerina di lap dance nel locale e c'è il maniaco che la perseguita che era tornato e l'ha trovata di nuovo, e Hartigan ora deve riuscire a salvarle la vita...
Originale, pomposo, effervescente, incasinatissimo, piacevolmente fuori di testa, bravissimi Mickey Rourke, Elijah Wood e Nick Stahl, il migliore episodio del film è senza dubbio quello di Marv e dell'amore tra lui e Goldie, Mickey Rourke è praticamente quasi irriconoscibile, ma il suo Marv è il personaggio che si eleva sopra tutti.
Robert Rodriguez e Frank Miller trasportano letteralmente il fumetto al cinema, una città piovosa, violenza a gogo, scene splatter furbescamente alleviate dal bianco e nero che è la tecnica con cui il film è stato girato con virate di colore, la forza del film oltre la recitazione degli attori sopracitati è anche la fotografia che vira dal bianco e nero al colore che ricorda piuttosto da vicino un altro film Pleasentville...
Da non sottovalutare la special guest director di Tarantino che sprizza l'occhio allo spettatore.
Ottimo per una serata di intrattenimento e anche per gustare virtuosismi cinematografici e inoltrarsi direttamente nel fumetto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.