Passa ai contenuti principali

Kill Bill Vol 1

Una donna sanguinante, stesa a terra, che supplica un uomo con la pistola di lasciarla vivere perchè ha in grembo sua figlia, dentro una chiesa, l'uomo non l'ascolta e spara un colpo, poi la scritta la vendetta è un piatto che va servito freddo, e la canzone di Nancy Sinatra bang bang a fare da sigla iniziale al film più celabrato di Tarantino del nuovo millennio, la sposa è la sempre bravissima Uma Thurman di cui  non sappiamo il nome - chiara citazione cinematografica a lo straniero senza nome di Clint Eastwood - che intende vendicarsi per la morte del suo mancato marito e la perdita della bambina che aspettava della squadra di assassine vipere mortali di cui faceva parte, lei che di nome in codice aveva Black Mamba era la ragazza di Bill, il capo delle vipere ha ordinato il massacro della cappella dove si facevano le prove del matrimonio.
Tarantino ritorna dopo Jackie Brown e dirige un film scritto a quattro mani con Uma Thurman che è stato un regalo all'attrice fatto dopo le riprese di Pulp Fiction.
Violento, sanguinoso, citazionista, più di qualsiasi film diretto da Tarantino, con Kill Bill, Tarantino mostra tutta la sua ammirazione per il cinema di serie giapponese, e in particolare l'amore per l'attore Bruce Lee, di cui disse che se fosse stato vivo Lee avrebbe interpretato Kill Bill, ma c'è anche un chiaro riferimento a La Sposa in Nero di Truffaut, film di cui Kill Bill chiaramente si è ispirato, anche se Tarantino stesso ha detto di ammirare più Godard che Truffaut; comunquesia Kill Bill è un film originale, un piccolo cult movie diretto in modo adrenalinico e interpretato magnificamente da un cast impeccabile tra cui spiccano la già citata Uma Thurman e il compianto David Carradine - che ho scoperto grazie a Kill Bill - che con Kill Bill è tornato al successo dopo anni appannati.
DA COLLEZIONARE.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.