Passa ai contenuti principali

Another Year

Se c'è un film interessante e coinvolgente fino alla commozzione allora questo film è Another Year, all'inizio con le prime immagini credi che la protagonista sia la donna sull'orlo della depressione a cui una psicologa le fa una seduta dopo che una dottoressa di colore le fa delle domande sulla sua salute e soprattutto sulla sua felicità non appena si accorge dello stato della donna che è più psicologico che fisico, e qui vediamo finalmente la nostra protagonista, Gerri una donna spigliata, energica nonostante abbia i capelli bianchi, e vediamo i suoi colleghi tra cui l'amica Mary che viene ospitata spesso a casa sua per cene e pomeriggi, e poi vediamo la sua famiglia, suo marito, suo figlio, e infine la fidanzata del figlio Katy, il rapporto con il marito non è più passionale come un tempo, vanno d'accordo e si stimano, lo stesso è con il figlio, Mary - l'amica - è fragile, non fa altro che bere vino fino a ubriacarsi ed è sfortunata in fatto di uomini...
Il film è diviso in stagioni nell'arco di un anno, Mike Leigh si concentra sul caratterizzare i suoi personaggi, le loro nevrosi, le loro fragilità semplicemente mostrandoli al pubblico, senza falsi pudori, o inutili ipocrisie, e dirige il film talmente bene che lo spettatore si sente ormai parte di quella famiglia, che diciamocelo, è la metafora della vita, infondo tutti noi abbiamo bisogno di un rifugio sul quale piangere, confrontarci, litigare, riappacificarci, ma soprattutto vivere, Leigh dirige un opera che è un piccolo gioiellino da vedere e rivedere, uno di quei piccoli capolavori che fa piacere collezionare e vedere soprattutto quando ci si sente soli, tra le scene migliori ci sono quella in cui Mary si innamora del figlio di Gerri ma scopre che si è fidanzato con Katy e non riesce a nascondere la sua delusione per il mancato appuntamento, bravissimi tutti gli attori, che risultano naturali anche quando si rischia di non esserlo.
DA NON PERDERE

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.