Passa ai contenuti principali

The Social Network

Che bellissima sorpresa l'ultima pellicola di David Fincher, questa volta prende spunto da una storia vera, la storia di Mark Zukemberg il fondatore di facebook, tutto è raccontato come la cronaca della creazione di qualcosa di innovativo ma anche di geniale, cosa c'è dietro facebook? Perchè ha da subito grande successo? E quali sono le idee che lo hanno fatto diventare come il più grande punto di ritrovo dell'intero pianeta? David Fincher si dimostra un autore intelligente e di talento, e che da un bel po' di tempo non sbaglia un film, aiutato da un ottimo script e da un cast di attori eccellenti, forse l'unica nota stonata è il cantante justin timberlake messo lì forse per attirare il pubblico di giovanissime, sarà anche stonata ma è una buona occasione per far vedere un ottimo film.
Sin Dall'inizio vediamo questo studente universitario piantato dalla ragazza che la notte stessa apre un sito per votare la ragazza più carina, il sito ottiene da subito tantissimo traffico tanto da far saltare la rete dell'università, fatto ciò questo sarà il motivo per cui due gemelli vogliono farlo entrare nel loro staff per farlo lavorare al nuovo sito, una specie di social network che sarà la causa della sua idea per facebook, e da questa idea "rubata" che nasce forse la sua fortuna, ma anche la sua disgrazia, perchè non appena i gemelli si accorgono che Zukemberg gli ha rubato l'idea inizia la lunga disputa legale per ottenere il risarcimento danni.
Il film è anche un analisi sulla vita e sull'onestà degli esseri umani, non si può costruire un impero senza rompere qualche uovo, e come dice la didascalia della locandina, non puoi farti cinque milioni di amici senza avere qualche nemico, c'è anche della sociologia in The Facebook, sociologia di un fenomeno capace di mutare i costumi, e il pensiero delle persone, semplicemente usando un social network, è questo il futuro per gli esseri umani? Si comunica soltanto attraverso facebook? La vita non è più uscire di casa e incontrare tanti amici no, la vita è connettersi a facebook e aggiungere persone che magari non ti parlano mai, o magari lo fa solo per usare i giochi o i test per passare il tempo, la fenomenologia di facebook porta alla sintetizzazione dei sentimenti, basta connettersi a un pc e farsi tanti amici, ma anche guadagnarci miliardi di dollari sia alle spalle di amici, che di altre persone, non esiste più la compassione, non esiste la gratitudine, e nemmeno l'amicizia, esiste ormai la convenienza, il denaro, basta pubblicizzare la tua idea e registrarla anche a scapito di chi l'ha avuta prima di te l'importante è arrivare primi...
Un film duro ma anche incredibile OTTIMO.

Commenti

  1. Per me questo film è il vero capolavoro di inizio millennio. Straordinario.

    RispondiElimina
  2. si è un grande, grandissimo film, maturo mai banale, analizza in modo arguto il fenomeno facebook, bravo fincher...

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.