Passa ai contenuti principali

Sicilian Ghost Story




Certe cose si capiscono se vivi da sempre in un luogo, ovvero la Sicilia, che è la regione in cui vivo io, per questo la mia recensione potrebbe essere molto personale, e forse ben poco obiettiva.

Trama: In un piccolo paese della sicilia Giuseppe scompare. Luna, una sua compagna di classe non si rassegna alla sua assenza, e cerca di scoprire cosa gli è successo utilizzando tutti i mezzi che ha a disposizione, rischiando persino la sua vita.

Come ho detto prima certe cose le puoi capire solo se sei siciliano, perché chi è nato il sicilia, conosce la sua terra come le sue tasche, conosce la gente del posto, i suoi pregi e anche i suoi difetti, perché la sicilia ha un lato oscuro, e questo lo si può capire solo se ci sei nato.
Non parlo certo solo di mafia, ma come in tutte le cose nel mondo c'è sempre un lato che discosta, tra questa terra invasa dal sole che picchia in testa come un assassino, come diceva la famosa canzone di Lucio Dalla, la sicilia è una terra misteriosa, ricca di tantissime cose, ma anche di parecchi segreti, e quando questi vengono a galla, bisogna conviverci rassegnati o combatterli fino allo sfinimento.
La piccola Luna ha deciso di combattere  contro il lato oscuro della sicilia che ha inghiottito e fatto sparire il ragazzino di cui si è innamorata.
Film tratto da una storia vera, che racconta il rapimento del piccolo Giuseppe di Matteo rapito e sciolto nell'acido dalla mafia.
E' un film complesso, duro, a tratti straziante, non facile da digerire, ma allo stesso tempo capace di tenerti incollato alla poltrona.
Si sente un dolore lacerante durante la visione, non ti spezza il cuore in due, perché sarebbe liberatorio, ma è un dolore terribile, claustrofobico, da cui non c'è via di scampo.
Vi sembra poco?
No, vi assicuro che non lo è, e se ve lo dico io ci dovete credere.
Per me è stata una sorpresa, e anche la consapevolezza, che il nostro cinema è più vivo che mai, e da sostenitrice del cinema italiano da diversi anni a questa parte, dovete fidarvi della mia parola.








Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…