Passa ai contenuti principali

Green Book

Si vede che sono stata assente ben più di un mese eh? Devo recuperare il tempo perduto, lo faccio da stamattina con Green Book, film che ha vinto l'ambito premio agli ultimi oscar.

Si sa che gli Oscar sono i premi più ambiti e anche più glamour dell'industria cinematografica, non sempre azzeccano e indovinano chi deve vincere l'oscar come miglior film.
Non ci ho azzeccato nemmeno io, credevo che vinceva Bohemian Rhapsody, vedete, anche le mie previsioni hanno fatto cilecca.
D'altronde questa 91esima edizione non è che ha presentato roba innovativa, anzi...semmai è proprio la scelta conservatrice e tradizionalista a fare di questo ambito premio lo specchio dell'america politicamente corretta.
Per chi ha presentato roba innovativa entrata ormai a pieno titolo nella storia del cinema dobbiamo parlare di altri film.
Io oggi recensisco Green Book, film che mi è piaciucchiato, diretto da Peter Farrelly, buonista e melenso a più non posso, il classico prodotto costruito per vincere la statuetta del miglior film.
Eppure, ho come il sentore di un film che sa di vecchio, il puzzo di roba vecchia annicchilita si sente lontano un miglio, anche perché non credo che un nero non si sa difendere da solo, c'è sempre l'autista che fa a botte e sfida chi lo offende, ok, può essere una cosa giusta, e lui è bianco, l'amicizia interrazziale rientra nei canoni dell'Academy, tutto giusto, tutto corretto...ma che barba!!!
Anche stavolta vince un film dalla qualità del senza infamia e senza lode, non un film grandissimo come quello Spike Lee, che a differenza di questo è una vera bomba.
Non c'è niente di male che un bianco difende un nero, non c'è niente di male che fanno amicizia, però è una cosa già vista e sentita, niente da dire per il premio a Mahershala Ali, attore che si è dimostrato ottimo nella sua interpretazione, nella sua doppietta come attore non protagonista, anche se è protagonista in tutto e per tutto della pellicola.
Per me è un film piacevole, ma che non aggiunge nulla di nuovo al cinema, un film costruito a tavolino per partecipare e vincere agli oscar, da un regista che fino ad oggi ha fatto film demenziali, gli oscar sono anche questo purtroppo.


Commenti

  1. Io ancora non lo vedo, ma penso che in mezzo a quelli in lizza, era l'unico "oscarabile" per come conosciamo l'Academy.
    Film confezionato per L'Oscar... :)

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Sono assolutamente d'accordo: un film nato vecchio, costruito su misura per vincere l'oscar, retorico e buonista oltre ogni misura, ma impreziosito dalle interpretazioni di due attori bravissimi

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…