Passa ai contenuti principali

Thirteen

Un film che è come un pugno nello stomaco per lo spettatore, spietato nel narrare la storia di un amicizia fondata sul piacere agli altri ad ogni costo, sul fare esperienze sempre più estreme, sempre più portate al limite, come sniffare coca, rubare, fare tutto in funzione di crearsi un immagine da spiattellare in faccia alla società, il volere essere per forza grandi, per forza fighi, per forza bellissimi e ammirati, trasformarsi in qualcosa che in realtà non si è può portare soltanto guai e problemi, ed è questo che accade a Tracy, adolescente appena approdata al liceo, dove incontra e conosce Evie Zamorra, la ragazza più popolare e più ammirata della scuola, Tracy è ancora una bambina e già all'inizio vediamo la superficialità dei compagni di scuola e il loro commentare come si veste, che scarpe porta etc etc...Tracy sentendosi inadeguata vorrebbe essere accettata dagli altri (naturale, cose del genere da ragazzini sono capitate anche a noi) allora fa di tutto per essere accettata dagli altri, ma ogni cosa ha il suo prezzo, Evie non ha famiglia, si insinua in casa di Tracy inventando bugie pur di stare insieme a Tracy, naturalmente per la ragazza quello di stare 24 ore su 24 con la tua migliore amica è un sogno che si avvera, infatti le due ragazze dividono tutto, ma anche esperienze che per Tracy è ancora troppo presto per viverle...questo le porterà problemi vari come autolesionismo, tossicodipendenza e depressione.
Il film è stato definito un Kids al femminile nella pubblicità per lanciarlo, la cosa più interessante è soprattutto l'infanzia negata e l'assenza totale degli adulti incapaci di stare ad ascoltare ed aiutare specialmente quando avvengono problemi di questo tipo.
Catherine Hardwick, con la complicità di Nikki Reed, dirige un film che è fortemente spietato nel condannare una società che impone di indossare una maschera, per apparire ciò che non si è, e soprattutto, incapace di accettare chi sta fuori dal coro...imperdibile.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.