Passa ai contenuti principali

Il silenzio degli innocenti

Il silenzio degli innocenti è più di un film, è più di un thriller, è un capolavoro assoluto che scava nella mente e nell'anima, uno degli ultimi capolavori assoluti della storia del cinema...
Tratto dall'agghiacciante best seller scritto da Thomas Harris, la storia si concentra sulla fascinazione di Clarice Starling, interpretata da una straordinaria Jodie Foster, (a proposito tra le attrici è la mia numero uno, non ci sono attrici più brave di lei per me) per il dottor Hannibal Lecter, detto Hannibal the Cannibal, vista la sua propensione al cannibalismo, magistralmente interpretato da Anthony Hopkins, Clarice chiede l'aiuto dello psichiatra Lecter per liberare la figlia di un importante senatrice che è stata rapita da Buffalo Bill, un tempo paziente del dottor Lecter, quindi chi meglio di lui può aiutare L'FBI nelle sue indagini?
Già dal primo incontro, il rapporto tra lo psichiatra e Clarice è un rapporto di fascinazione, lo psichiatra gioca con lei e cerca di analizzare la sua psicologia, lei ne rimane ammaliata e affascinata, più per liberare la ragazza, ma alla fine nè subirà il fascino anche lo stesso Hannibal Lecter nei suoi confronti.
Le atmosfere sono claustrofobiche, la fotografia cupa e ombrosa, i toni documentaristici, fanno pensare a una sorta di fatto vero, e in effetti Harris si ispirò a un fatto realmente accaduto per creare il dottor Lecter, di un uomo negli anni venti che uccise e mangiò degli adolescenti Hopkins ha reso il personaggio di Lecter leggendario, per prepararsi al ruolo è stato davvero in ospedali psichiatrici, e si è ispirato persino a Charles Manson per lo sbattere delle ciglia...
Il silenzio degli innocenti ha dato il via a una saga fortunatissima, ma il migliore resta il film diretto da Jonathan Demme, che è diventato un icona ed è entrato nella leggenda grazie alla straordinaria performance del suo interprete Anthony Hopkins.
Da notare anche la soundtrack del film firmata da Howard Shore, compositore prediletto da David Cronenberg e naturalmente le battute di lecter diventate leggendarie come quella finale dopo la fuga dal carcere di massima sicurezza
"Mi dispiace lasciarti Clarice, ma sto per avere un vecchio amico per cena stasera..."


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.