Passa ai contenuti principali

The Wrestler

Randy "The Ram" Robinson, negli anni ottanta era una stella del Wrestling, ora sono passati molti anni e non ha più il successo di una volta, stanco, appesantito, combatte nelle palestre dei licei locali, con i pochi fans che gli sono rimasti, cercando una via di riscatto dopo un infarto.
Cerca sua figlia per ristabilire un rapporto con lei, ma ovviamente senza riuscirci, frequenta e si innamora di una spogliarellista (bravissima Marisa Tomei) ma lei non ne vuole sapere di uscire con i clienti, finchè non scopre i suoi sentimenti per lui, ma è ormai troppo tardi...
Il grande ritorno di Mickey Rourke, vedendo questo film ero strafelice di vedere un attore che mi piaceva sin dall'adolescenza tornare in auge, e prendersi anche una nomination all'oscar, il film è incentrato su di lui e sulla via che vorrebbe ripercorrere dopo l'infarto e il bypass ma soprattutto dopo la consapevolezza di non poter più combattere per avere la gloria di un tempo, non è facile ricominciare daccapo soprattutto quando hai una certa età e fare cose di cui non sei portato, non è facile fare il genitore, ma soprattutto non è facile stare appresso ai figli, specialmente quando vengono abbandonati, ottima Evan Rachel Wood nel ruolo di Stephanie, figlia piena di tristezza per la mancanza di un padre e di una figura di riferimento nella sua vita, stupenda la scena in cui escono insieme e trovano dei punti d'incontro, ma si sa non si diventa genitori da un giorno all'altro come non si può cambiare totalmente...
Succede questo a Randy, che molti hanno visto come la vita stessa di Rourke in errore dico io, perchè Mickey da a Randy la sua anima e la sua voce, c'è tutta la sua ribellione alla vita che lo abbandona quando lui ha abbandonato, non si può vivere solo per se stessi, e lui lo sperimenta sulla sua pelle, il film inizia con le glorie di Randy e termina con un finale aperto...raramente quest'anno mi sono emozionata al cinema e The Wrestler è uno di quei film che emozionano e suscitano ammirazione, sia per la regia di Aronofsky di tipo documentaristico, infatti il film è molto realistico, sia per le interpretazioni degli attori, nessuno escluso, sono tutti bravissimi sia Mickey il quale si merita una menzione speciale, sia i conprimari.




Commenti

  1. d'accordo con la tua recensione, sicuramente tra gli ultimi film usciti nelle sale quest'anno è stato uno dei più belli.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.