Passa ai contenuti principali

Heath Ledger - un mito? O un fenomeno passeggero?


In questi giorni tra i forum ci sono stati dibattiti di fuoco a proposito di Heath Ledger, attore scomparso quasi un anno fa, che molti considerano un mito e addirittura un grande attore, ma è davvero così? Nella filmografia di Ledger si contano soltanto due films memorabili e degni di essere ricordati, e questi film sono I segreti di Brokeback Mountain, e Paradiso + Inferno, dove recita a fianco di Geoffrey Rush.
Tutto è legato dall'enorme pubblicità verso quello che considero uno dei peggiori film del 2008 ovvero il cavaliere oscuro, dove Heath interpreta joker, personaggio reso fantastico dal grande Jack Nicholson, ora reso una caricatura da Heath Ledger, o meglio è un personaggio diversissimo, il joker dovrebbe essere un pazzo giocherellone, deve ridere facendone di cotte e di crude, invece qui sembra uno psicopatico, un serial killer, perdendo la gaiezza e l'ironia con cui Nicholson lo ha fatto amare al suo pubblico, e peggio di peggio è stato premiato agli oscar!!! Mai e poi mai si era vista una considerazione per altri attori molto più navigati di Ledger, attori come il grande Jim Carrey, dove ha dato interpretazioni fantastiche per the truman show, e per man on the moon sono state snobbate, attori come River Phoenix, come James Dean, Monty Clift e tanti altri che erano straordinari, attori come Charlie Chaplin premiato vergognosamente com un oscar alla carriera, autori come Stanley Kubrick che hanno fatto grande il cinema tutti dimenticati, per premiare Heath e il suo joker, ho assistito alla notte degli oscar via streaming, e speravo che l'oscar venisse dato a qualcun'altro, non per cattiveria, mi dispiace che Heath sia morto, ma era e rimane un attore emergente, tra i forum c'è sempre la targhetta in memoria di Heath Ledger, tutti a parlare di lui come un grande attore o un mito, ma non è così, non è affatto così, il suo talento si può benissimo accostare a qualsiasi attore emergente che sta camminando sui suoi passi e che sta iniziando seriamente la sua carriera, ma niente di più, in conclusione, Heath, ci ha regalato due interpretazioni memorabili, ma il talento e la mitizzazzione sono un altra cosa, sono contro i falsi miti (e Ledger lo è sicuramente) ma sono a favore del grande cinema, sapete che faccio? Farò una targhetta dedicata a tutti coloro che hanno fatto grande il cinema, chissà se verrà accettata o no?
Voi che dite?

Commenti

  1. Non sono una esperta di cinema,ma credo che HL non era solo un emergente e neanche un mito.Rifiutò ruoli "sicuri" per ruoli che altri avrebbero rifiutato,xkè non garantivano il successo nelle sale cinematografiche.Lui cercava le sfide come un attore degno di essere chiamato così e non il guadagno.

    RispondiElimina
  2. non sono d'accordo, se parliamo degli inizi non ha fatto certo cult movies ti faccio un esempio vediti dieci cose che odio di te...insomma non si può accostare certo a un capolavoro quale è Brockebak Mountain...

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo con te in parte. Io credo che Heath Ledger sia stato un attore capace di recitare bene e che poteva dare tanto, ma la morte è sopraggiunta e credo che tu lo sappia che la morte può "santificare" o far dimenticare. In questo caso l'ha "santificato" a mito.
    Ma lo sdegno che attori come Jim Carrey hanno ricevuto è proprio da Oscar, restando in tema: dargli un premio come il Golden Globe, che è considerato l'anticamera dell'Oscar, e poi non nominarlo neanche per gli Academy Awards è qualcosa di vergognoso.
    E di esempi, di dimenticati illustri, ce ne sono.

    RispondiElimina
  4. si ma da qui a considerarlo mito ce ne passa, non stiamo parlando mica di River Phoenix oppure di James Dean, parliamo di Heath Ledger che ha dato solo una interpretazione memorabile, forse due, quella di Brokeback Mountain e Parnassus, tutto il resto è da buttare ^^

    RispondiElimina
  5. Infatti io non lo considero un mito, ma un giovane attore che avrebbe potuto dare molto e che è morto prima che ciò accadesse. E' chiaro che per i suoi ammiratori è diventato un mito forse per la sua morte misteriosa e credo sia per questo che l'abbia comparato a miti come James Dean o Marilyn Monroe, i più citati. Ma mi chiedo se questi che amano tanto citare abbiano mai visto un film di questi due ultimi attori oppure se li conoscono tramite le foto.
    Purtroppo il divismo fa così: adorare gli attori tramite foto o gossip e non coi film.

    Andando un po' fuori tema, se mi permetti, ti dico che quando uscì Titanic, io avevo 14 anni e mai mi sono messa una maglietta con su la sua foto. Piuttosto ho preferito fare le 2 di notte per vedere i suoi film come Poeti dall'inferno. Quel film avrà molti difetti, ma mi ha permesso di conoscere Arthur Rimabaud e di approfondirlo poi.
    Lo so, sono andata MOLTO fuori tema :(

    RispondiElimina
  6. ah ecco, ora ci capiamo, si è vero molte persone che dicono di amare il cinema in realtà sono legatissimi al gossip, e al divismo io ne ho conosciuti un bel po' di utenti, beh questi sono piuttosto limitati, ma il cinema e la cinefilia in particolare sono un altra cosa, Non è stato Ledger a fare Titanic ma Di Caprio attore molto ma molto più bravo di ledger, si anche io seguo Di Caprio da prima di Titanic, e da prima che diventasse divo, esattamente dal film Buon Compleanno Mr Grape, ma questa è tutta un altra storia ^^

    RispondiElimina
  7. Sì lo so che è stato DiCaprio a fare Tiitanic. Era per fare un esempio :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.