Passa ai contenuti principali

Moloch

Bisogna avere un grande coraggio a dirigere un film su Adolf Hitler, e raccontarne il privato di essere umano, lontano dal suo lavoro di tiranno.
Fin dal titolo Moloch ne sottolinea l'aura di divinità con cui alcuni vedevano questo scellerato criminale, colpevole dello sterminio di sei milioni di ebrei.
Sokurov si ispira ai filmati privati realizzati da Eva Braun e sceglie di citare anche il cinema di Leni Riefenshtal, specialmente nella scena iniziale, bellissima in cui vediamo Eva, completamente nuda che attende il suo uomo e fa ginnastica, la fotografia offuscata e i colori scarni che tendono all'oscuro ne sottolinea il lato malvagio dei personaggi che sembrano dei venuti da chi sa dove, ma in realtà sono delle semplici macchiette, piccoli esseri mediocri che vogliono conquistare il mondo...Sokurov ne sottolinea criticando ovviamente i loro riti, e le loro abitudini, concentrandosi soprattutto sulla figura di Hitler, che sembra un ragazzino capriccioso, con cui tutti si genuflettono al suo cospetto.
E così spiamo la vita privata di questo tiranno, conosciamo le sue idee sul cibo, sulla razza, l'arte e anche su una possibile dichiarazione di guerra all'italia, vediamo una gentilezza capace di tramutarsi in furore, e naturalmente il suo rapporto con Eva che lei chiama affettuosamente Adi, ma è pronta sia a contraddirlo ma anche a prenderlo a calci nel sedere oltre ad essere innamorata di lui, la migliore scena resta quella con il prete, che chiede clemenza per un uomo e il Fhurer la rifiuta.
La pellicola è d'impatto teatrale, in cui tutti sembrano essere dei leoni che vogliono sbranarsi a vicenda, specialmente i gerarchi che passano il fine settimana nella villa bunker di Hitler, si detestano, sembrano attori che recitano una parte, sono esseri mediocri superficiali, e talmente attaccati al loro credo da risultare delle pure macchiette, e in questo credo che Sokurov sia stato intelligente a fare una critica a questo regime, non è affatto facile dirigere una storia del genere senza almeno criticare Hitler come persona, perchè anche i più scellerati criminali, sono dei piccoli uomini...
La storia si concentra appunto su questo fine settimana passato insieme a questi gerarchi, fin dall'inizio si comincia a criticare i presenti, (vedi le critiche di Marta Goebble su Bormann per fare un esempio) sottolineando la bassezza di carattere, tra pranzo, cena, passeggiata di fuori e ballo scatenato (una delle scene più comiche del film vedono la coppia Hitler/Braun ballare un can can) e visione di un cinegiornale d'epoca non gradito dal Fhurer.
La storia è ovviamente romanzata, specialmente quando Eva sottolinea una critica del Fhurer a un compositore e cita Awshwitz che egli stesso non conosce (è mai possibile?), naturalmente si tratta si sospensione dell'incredibilità oltretutto è anche un film no?
Moloch è uno di quei piccoli grandi film che meritano una visione, soprattutto per riflettere sulla storia senza farsi influenzare da ideologie sbagliate.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.