Passa ai contenuti principali

Ascensore per il patibolo - di Louis Malle

Ascensore per il patibolo non è altro che un film su un delitto, in scena due amanti che progettano l'omicidio del marito di lei (una radiosa Jeanne Moreau, qui al suo primo ruolo importante) tutto procede bene finchè lui dimentica un piccolo particolare dopo l'omicidio del marito, ma il caso vuole che rimane imprigonato nell'ascensore, mentre lei vaga nella notte in cerca di risposte sentendo l'espiazione sulla coscienza, straordinaria la scena in cui Jeanne moreau vaga per le strade inzuppata di pioggia chiedendosi che fine ha fatto l'uomo che ama, già dalla sua opera d'esordio vediamo l'abilità registica di Malle, che segue i suoi protagonisti con la sua macchina da presa mostrando i loro sentimenti e le loro paure...
Il film musicato dalla tromba di Miles Davis (a proposito occhio alla colonna sonora bellissima metropolitana e molto triste) ripercorre la loro storia di amanti segreti, dall'incontro fino al progetto di uccidere il marito di lei che è un importante imprenditore, il film inizia con il delitto poi segue la Moreau nel suo folle vagare nella notte, tra locali e bar facendosi mille domande sul perchè non ha più avuto notizie del delitto e della persona che ama, fino all'incontro di due giovani un po' sbandati che lei crede siano il caprio espiatorio perfetto per farla franca, ma non è tutto come sembra, alla fine anche la polizia con le sue indagini alla fine arriva alla verità e per i due amanti non c'è più scampo.
Il film mostra senza tanti preamboli come il raggiungimento di una tanto agognata meta non porti altro che guai, come un sogno possa di colpo trasformarsi in un incubo e che la realtà non è mai come la vogliamo o la desideriamo noi, quando si compie un azione simile ci sono le conseguenze da pagare e la polizia arriva sempre dappertutto...
Film che è stato uno degli apripista della nouvelle vague se ne distanzia pur mantenendo inalterati i dogmi, Malle dirige un noir disperato e romantico, intrecciato a una storia d'amore la cui parola lieto fine può essere scritta solo nella loro immaginazione.







Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.