Passa ai contenuti principali

Ascensore per il patibolo - di Louis Malle

Ascensore per il patibolo non è altro che un film su un delitto, in scena due amanti che progettano l'omicidio del marito di lei (una radiosa Jeanne Moreau, qui al suo primo ruolo importante) tutto procede bene finchè lui dimentica un piccolo particolare dopo l'omicidio del marito, ma il caso vuole che rimane imprigonato nell'ascensore, mentre lei vaga nella notte in cerca di risposte sentendo l'espiazione sulla coscienza, straordinaria la scena in cui Jeanne moreau vaga per le strade inzuppata di pioggia chiedendosi che fine ha fatto l'uomo che ama, già dalla sua opera d'esordio vediamo l'abilità registica di Malle, che segue i suoi protagonisti con la sua macchina da presa mostrando i loro sentimenti e le loro paure...
Il film musicato dalla tromba di Miles Davis (a proposito occhio alla colonna sonora bellissima metropolitana e molto triste) ripercorre la loro storia di amanti segreti, dall'incontro fino al progetto di uccidere il marito di lei che è un importante imprenditore, il film inizia con il delitto poi segue la Moreau nel suo folle vagare nella notte, tra locali e bar facendosi mille domande sul perchè non ha più avuto notizie del delitto e della persona che ama, fino all'incontro di due giovani un po' sbandati che lei crede siano il caprio espiatorio perfetto per farla franca, ma non è tutto come sembra, alla fine anche la polizia con le sue indagini alla fine arriva alla verità e per i due amanti non c'è più scampo.
Il film mostra senza tanti preamboli come il raggiungimento di una tanto agognata meta non porti altro che guai, come un sogno possa di colpo trasformarsi in un incubo e che la realtà non è mai come la vogliamo o la desideriamo noi, quando si compie un azione simile ci sono le conseguenze da pagare e la polizia arriva sempre dappertutto...
Film che è stato uno degli apripista della nouvelle vague se ne distanzia pur mantenendo inalterati i dogmi, Malle dirige un noir disperato e romantico, intrecciato a una storia d'amore la cui parola lieto fine può essere scritta solo nella loro immaginazione.







Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.