Passa ai contenuti principali

The Truman Show

The truman Show è uno degli ultimi capolavori del secolo scorso, diretto da un Peter Weir in stato di grazia è la storia di Truman Burbank interpretato da un magistrale Jim Carrey che finalmente passa al cinema serio che inconsapevolmente non sa che la sua vita è uno show tv seguito da milioni di persone in tutto il mondo sin da quando era appena nato...come una lunghissima soap senza un copione preciso e qui Peter Weir ne fa una geniale metafora sulla vita e sulla natura del genere umano talmente teledipendente da oltrepassare ogni limite facendo della vita di un essere umano uno show...
La cosa che più stupisce di questo film, è il comportamento di chi sta accanto a Truman, sono consapevolmente attori che interpretano una parte, ognuno ha un ruolo preciso e lo recita, quando finalmente capisce che qualcosa non torna, guardandosi intorno si chiede chi sia veramente sincero con lui e chi recita, il suo è un risveglio quasi traumatico dopo aver visto un lampione cadere dal cielo comincia a farsi domande sulla vita e ad avere ricordi d'infanzia come quando voleva fare l'esploratore o anche quando voleva superare la spiaggia e il padre lo prendeva in braccio...
In realtà tutti recitano con Truman, nessuno è sincero, lo usano soltanto per lo show, costruendo una vita e un mondo che non esiste, e in questo ho sempre visto l'ombra di un grande fratello nel film che ha anticipato i reality show tanto in voga in questi anni.
Il merito del successo del film è della regia provocatoria di Weir e anche della recitazione di Jim Carrey per la prima volta in un ruolo drammatico in cui da il meglio di se e non eccede mai nell'interpretare Truman, anzi, Truman è tutti noi messi insieme, tutte le sue certezze si sgretolano quando entra nell'agenzia di assicurazioni vedendo uno sudio di registrazione e un membro dello staff registico che dice agli attori come muoversi, allora tenta in tutti i modi di scappare da quel piccolo grande mondo mediatico che lo ha intrappolato, intorno a lui non c'è niente di vero è tutto falso, come è falso il suo matrimonio con un infermiera interpretata da Laura Linney, grandissima la scena del litigio, ma ancora più grande quando lui riesce a scappare e si accorge che il mare tocca il cielo, e lui lo tocca con le sue mani prendendolo a pugni per cercare di scappare.
CAPOLAVORO.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.