Passa ai contenuti principali

Veronika Voss

Ammetto che è il primissimo film che vedo per intero diretto da Fassbinder, devo dire che mi ha sorpresa sotto diversi punti di vista, in primis racchiude il fascino di pellicole della grande hollywood, curatissimo nei particolari come le scenografie e i costumi e naturalmente l'ambientazione.
Veronika Voss è un attrice che negli anni della seconda guerra mondiale era una diva, finita la guerra è finito anche il successo e ora si ritrova vittima di una psichiatra che la tiene rinchiusa in ospedale con una cura a base di morfina e psicofarmaci.
Fassbinder ci dona il suo personale viale del tramonto tedesco, se nel capolavoro di Wilder l'attrice dimenticata passava dal muto al sonoro Veronika passa tra il cinema classico al cinema moderno, (non si contano gli omaggi alla nouvelle vague) il film è come una lunga ballata di morte che non concede redenzione, già sin dai titoli di testa lo spettatore assiste alla proiezione di un film con protagonista Veronika dopo un po' esce in preda a una crisi di nervi, sulla strada incontra un giornalista che si innamora di lei, proprio con questo incontro, nasce un rapporto di continue bugie e illusioni di un futuro contratto per girare un film che non arriverà mai.
Il film uscì nei primissimi anni ottanta ma gli omaggi alle atmosfere melò e soprattutto al grande cinema ne fanno un opera interessante e coinvolgente, inoltre il film fa parte di una tetralogia di cui è l'ultimo capitolo mi sembra dedicata a delle figure femminili, cercherò di recuperare gli altri film della serie e magari raccontandoveli in diretta, grandissima l'attrice protagonista Rosel Zech, che sa essere naturale in un ruolo complesso.
La colonna sonora mescola classicità e canzonette americane dei primi anni cinquanta.
La fotografia passa dal bianco e nero notturno alla luce accecante dell'ospedale psichiatrico dove è rinchiusa la nostra protagonista, quasi come se il film attraversa diversi mondi e diverse situazioni.
Il montaggio alternato con la lunga carrellata iniziale è da antologia.
In conclusione, un affascinante viaggio nel cinema al cinema, che attraversa il lato oscuro dell'anima e di un sogno di illusione ormai lontano.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.