Passa ai contenuti principali

Vaghe stelle dell'orsa

E' il film più oscuro diretto da Luchino Visconti, che qui ci prende per mano accompagnandoci verso gli oscuri segreti di una famiglia "per bene" dell'alta borghesia di Viterbo.
L'incipt apparentemente sembra non avere collegamento con l'intera storia, assistiamo a un party esclusivo che Sandra e suo marito Andrew stanno dando a casa loro, per poi addentrarci nell'oscurità...Sandra interpretata da una rigogliosa Claudia Cardinale, torna nella sua città natale in occasione di una cerimonia dedicata a suo padre un ebreo morto in un campo di sterminio durante la seconda guerra mondiale, il suo ritorno sembra quello di una donna che deve fare i conti più che con i suoi fantasmi con i suoi demoni interiori, certe porte in quella splendida ma tetra magione devono rimanere chiuse, serrate, in modo da non permettere agli estranei di carpirne i misteri...
Ma non è tutto, con l'arrivo di Gianni (interpretato da Jean Sorel, già visto in bella di Giorno di Bunuel) che con Sandra, sua sorella ha un rapporto morboso le cose sembrano peggiorare ulteriormente, il giovane confessa all'amata sorella di aver scritto un libro autobiografico in cui ricorda il rapporto incestuoso con la sorella...
Un film inquietante, oscuro, misterioso, ma ugualmente affascinante, Visconti abbandona un altra volta i suoi drammi in costume per raccontare quello che sembra essere l'incubo ad occhi aperti di una famiglia per bene, e lo fa affidando la parte principale alla sua attrice feticcio Claudia Cardinale, che insieme a Sorel (attore dal volto pulito, qui credibilissimo e inquietante) sono il perno del film, che sembrano attraversare un loro inferno personale, in cui non possono più uscire...ispirazione da Bunuel? Critica sociale verso la borghesia? Perchè no, infondo, la mostruosità si nasconde nelle case pulite e rassicuranti, e tutta la scenografia che trovo più inquietante dell'asettico arredamento del mio film horror preferito Shining, ogni, oggetto, ogni elemento sembra messo apposta per una discesa agli inferi...per espiare un segreto taciuto, e lo spettatore di tutto cio' è Andrew marito di Sandra, che scoprirà la vera natura della moglie che fino a quel momento credeva di conoscere...
Magistrale.







Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.