Passa ai contenuti principali

Vaghe stelle dell'orsa

E' il film più oscuro diretto da Luchino Visconti, che qui ci prende per mano accompagnandoci verso gli oscuri segreti di una famiglia "per bene" dell'alta borghesia di Viterbo.
L'incipt apparentemente sembra non avere collegamento con l'intera storia, assistiamo a un party esclusivo che Sandra e suo marito Andrew stanno dando a casa loro, per poi addentrarci nell'oscurità...Sandra interpretata da una rigogliosa Claudia Cardinale, torna nella sua città natale in occasione di una cerimonia dedicata a suo padre un ebreo morto in un campo di sterminio durante la seconda guerra mondiale, il suo ritorno sembra quello di una donna che deve fare i conti più che con i suoi fantasmi con i suoi demoni interiori, certe porte in quella splendida ma tetra magione devono rimanere chiuse, serrate, in modo da non permettere agli estranei di carpirne i misteri...
Ma non è tutto, con l'arrivo di Gianni (interpretato da Jean Sorel, già visto in bella di Giorno di Bunuel) che con Sandra, sua sorella ha un rapporto morboso le cose sembrano peggiorare ulteriormente, il giovane confessa all'amata sorella di aver scritto un libro autobiografico in cui ricorda il rapporto incestuoso con la sorella...
Un film inquietante, oscuro, misterioso, ma ugualmente affascinante, Visconti abbandona un altra volta i suoi drammi in costume per raccontare quello che sembra essere l'incubo ad occhi aperti di una famiglia per bene, e lo fa affidando la parte principale alla sua attrice feticcio Claudia Cardinale, che insieme a Sorel (attore dal volto pulito, qui credibilissimo e inquietante) sono il perno del film, che sembrano attraversare un loro inferno personale, in cui non possono più uscire...ispirazione da Bunuel? Critica sociale verso la borghesia? Perchè no, infondo, la mostruosità si nasconde nelle case pulite e rassicuranti, e tutta la scenografia che trovo più inquietante dell'asettico arredamento del mio film horror preferito Shining, ogni, oggetto, ogni elemento sembra messo apposta per una discesa agli inferi...per espiare un segreto taciuto, e lo spettatore di tutto cio' è Andrew marito di Sandra, che scoprirà la vera natura della moglie che fino a quel momento credeva di conoscere...
Magistrale.







Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.