Passa ai contenuti principali

Old Boy

Avvolte gli orientali fanno delle grandi opere, in cui ci sono scene di battaglie, samurai, guerrieri valorosi e via dicendo, altre volte fanno piccoli grandi film, di quelli che lasciano il segno, Old Boy fa parte di questa categoria, nonostante la violenza e la scena raccapricciante di quando il nostro protagonista mangia un polipo vivo (che ammetto non sono riuscita a vedere tutta) Park Chan-wook, dirige un film la cui musica straordinaria si mescola alle scene di violenza, mai gratuita anzi funzionale con la storia Choi Min-sik è lo straordinario protagonista che si vede rinchiuso in una cella per ben quindici anni, apparentemente senza nessun motivo, proprio quando è dentro la cella la moglie viene trovata uccisa e la figlia è sparita, appena esce va a cercare i suoi sequestratori che nel frattempo hanno attualizzato una specie di gioco al massacro con lui per vendicarsi di un torto subito, proprio nei giorni della sua liberazione verrà a conoscenza di terribili verità da lui commesse inconsapevolmente.
Park Chan-wook ribalta i ruoli, mescola le carte, nel più avvincente thriller uscito in questi anni, un grandissimo film che ha oltrepassato i confini orientali grazie all'uscita di Kill Bill di Tarantino, che quando era presidente di giuria a Cannes ha detto che era il genere di film che gli sarebbe piaciuto fare...
Io sono rimasta incantata dalla straordinaria colonna sonora oltre dal magico script in cui nulla è lasciato al caso e rapisce lo spettatore dall'inizio alla fine, la migliore scena è ovviamente lo scontro finale dove c'è un altra scena raccapricciante che non vi racconto perchè è tutto un programma.
Tenete d'occhio Park Chan-wook, è un autore che sicuramente farà molta strada




Commenti

  1. La trilogia della vendetta di Park Chan-wook è definitiva. Penso che poco si potrà dire sull'argomento dopo questi tre film. Old boy è il più occidentale del trio, ma cavolo quanto mi piace. Il colpo di scena conclusivo mi ha inchiodato alla sedia levandomi il fiato.
    Park è presente in questi giorni a Cannes con Thirst.

    RispondiElimina
  2. bel film, è vero... la colonna sonora è magica.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.