Passa ai contenuti principali

Autofocus

"Un giorno senza sesso è un giorno sprecato"

Con questa frase che riassume la dipendenza dal sesso di un attore famoso quali era Bob Crane, si riassume il dramma di un uomo ritrovato morto assassinato una mattina e il cui colpevole del delitto (che si capisce il regista sospetta sia stato il suo compagno di festini a luci rosse John Carpenter - non il regista - ma un tecnico dei primi videoregistratori).
La storia inizia negli anni sessanta, con momenti di colorata allegria noi vediamo Bob Crane che è un DJ molto famoso e apprezzato soprattutto alla radio, sembra una perona normale, coi suoi pregi e difetti, ha una bella moglie, dei figli, diciamo che è il classico sogno americano, e anche lui dall'aspetto e dai modi gentili sembra un gran bravo ragazzo, nessun vizio nessuna mania, anzi forse qualcuna mania, quella di collezionare foto di donne nude fatte da lui stesso...
Ben presto la tv lo chiama per un serial tv Hogan's Heroes e diventa uan vera celebrità e da questo momento che incontra il misterioso e inquietante John Carpenter che lavora alla sony al progetto dei primi lettori di nastri magnetici poi trasformati in videoregistratori, una vera discesa agli inferi che lo porterà alla morte.
Schrader firma un film interessante, con una regia approfondita e una sceneggiatura scritta benissimo (bellissimi i piani sequenza onirici verso la fine dove la vita privata si mischia con il suo lavoro
accentuati da una tensione che cresce man mano che si arriva alla fine) Schrader non critica il suo protagonista ma ne fa un ritratto onesto e per nulla superficiale, delineandone il lato oscuro che vive in lui come in ognuno di noi, e sottolineandone le trasgressioni, le debolezze e le difficoltà che affronta anche con  i suoi familiari, bravissime anche le attrici comprimarie (Rita Wilson e Maria Bello) che interpretano le rispettive mogli, straordinario Willem Dafoe che ci regala un personaggio fintamente bonario ma inquietante al tempo stesso
Da Non perdere.

Commenti

  1. Questo e' veramente un bel recupero..film da non perdere e purtroppo misconosciuto..a suo tempoquello che mi colpi' fu il contrasto tra una forma che appartiene alla commedia ed un testo degno del miglior noir...in termini di percezione la biografia del personaggio diventa tutt'uno con il telefilm da lui interpretato...in questo modo la dipendenza sessuale del protagonista diventa "anche" metafora di quella "catodica", destinata a cambiare le vite di migliaia di famiglie.. Metacinema senza il peso della propria intelligenza...

    nickoftime
    icinemaniaci.blogspot.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.