Passa ai contenuti principali

Piaceri incoffessabili #1

Mi Chiamo Sam

Molti lo classificherebbero come un film strappalacrime, con una regia piatta e asciutta, e bla bla bla, io ho sempre pensato che se un film sa donare emozioni per prima cosa è capace di parlare al suo pubblico, proprio come succede con Mi chiamo Sam dove un attore bravissimo Sean Penn appunto con l'interpretazione del padre ritardato Sam superi addirittura il grandissimo e carismatico Dustin Hoffman in Rain Man, ma non tanto per l'interpretazione in se, ma per le emozioni che riesce a suscitare, da notare il cameo di Laura Dern, molto tenera soprattutto verso la fine.







  The Cell

Possiamo dire tutto quello che vogliamo, che è un lunghissimo spot pubblicitario, (Tarsem viene dalla pubblicità) che Jennifer Lopez non è credibile come scenziata  e tanti altri motivi, eppure The Cell personalmente a me è piaciuto per le straordinarie scenografie (molto inquietanti) e per l'orrore che fuoriesce quando entra nella mente dell'assassino, teorie fantascentifiche apparte, credo che veramente certe inquadrature fotografiche sembrano dei quadri davvero impressionanti, perchè Tarsem allontanandosi dallo stereotipo del Thriller ne fa un film alla sua maniera (forse anche usando la fama di Jennifer Lopez) resta comunque un film riuscito solo a metà che non ha nulla a che fare con veri capolavori del genere come Il silenzio degli innocenti o seven.



Killing Me Softly

Per Killing Me Softly il discorso è diverso, mi piace perchè pur non essendo un buon film ha delle cose che mi hanno attratta, un attrazione fatale, il dubbio, il mistero, scene erotiche davvero accattivanti, ma ahimè tutto finisce lì, peccato che poi  arriva la doccia fredda finale (SPOILER - non leggete se non l'avete visto) che a mandare le lettere era colei che credeva la sorella e qui c'è tutto l'ambaradan che non centra niente con il film per altro tratto da un romanzo Bollente di Nicci French, spero di trovarlo perchè sicuramente sarà migliore del film in se...
Da vedere solo per la presenza di Heather Graham e Joseph Fiennes il cui personaggio tutto fa pensare tranne che poi...beh mi capite no? XD 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.