Passa ai contenuti principali

Il Posto delle fragole

Cos'è il posto delle fragole? E' il posto della gioventù, della freschezza, dell'innocenza, il posto delle cose che vengono perse una volta diventati anziani, è anche il posto dove un professore anziano cerca di raggiungere per far pace con il passato, con la vita e soprattutto con se stesso...
Ingmar Bergman dirige uno dei suoi film più intensi e pieni di nostalgia in cui è impossibile non restarne affascinati, sin dalle sequenze oniriche che raccontano di un presagio di morte che avverrà molto presto, fa muovere il suo protagonista come fosse un fantasma in una terra ormai lontana, piena di ricordi, illusioni svanite, speranze ormai lontane, ma infondo è il grande cerchio della vita che scorre lenta, e che fa percorrere strade diverse da quelle che abbiamo sognato da giovani, ma è anche vero che bisogna accettare i doni che la vita ci fa, se pur semplici e umili, rappresentano un traguardo che una volta raggiunto può in qualche modo essere una speranza, ma cosa sono questi doni? I ricordi? Anche, ciò che sei e sei stato nella tua vita è qualcosa di assolutamente fondamentale, ed è anche un dono ritornare in quel posto, il posto delle fragole, per ricordare chi sei e chi sei stato e per non dimenticare la tua vita, e le azioni che hai fatto...
Bergman da allo spettatore una grandissima lezione di vita, dirige un capolavoro di assoluta bellezza e sincerità che colpisce più nell'animo che al cuore facendo ovviamente centro, e ha il pregio di non giudicare mai i suoi protagonisti, ma di filmarli per quello che sono, senza maschere, senza inutili farneticazioni, e questo è un grandissimo pregio, in cui lo spettatore riesce ad entrare in simbiosi con loro osservando le loro gesta, che quasi si ci identifica, non sono molte le pellicole del genere, ma del resto quando un piccolo e semplice film fa questo effetto vuol dire che è una grandissima opera da amare. CAPOLAVORO.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.