domenica 21 agosto 2011

La Versione di Barney

Un film d'amore acuto, toccante, mai banale, mai lacrimoso, ma che riflette il punto di vista del suo protagonista, - Barney, appunto, magistralmente interpretato da un Paul Giamatti in stato di grazia -   dopo che il suo migliore amico ne racconta la vita e i suoi amori, decide di dare lui una versione, e scava nel suo passato, che comincia nei meravigliosi anni settanta, quando sposa una ragazza incinta, per poi scoprire che il figlio non è suo, per poi sposare un altra donna che non ama, e scoprirsi innamorato perso di una invitata, infatti decide di piantare tutto per inseguire la donna di cui si è profondamente innamorato, non riuscirà a farlo subito ma dopo qualche tempo, quella donna è e sarà la donna della sua vita, costruisce insieme a lei una famiglia, ma anche stavolta le cose non vanno per il verso giusto, pur essendo ancora innamorato di sua moglie non riesce a riconquistarla del tutto...
La versione di Barney non è il solito film d'amore che invita il pubblico a mettersi confezioni di cleenex accanto, ma riesce comunque a catturare lo spirito attraverso i sentimenti dei protagonisti, qui portati all'estremo, grazie anche a uno script favoloso che colpisce per intelligenza e ironia, e anche alla bravura degli attori tra cui spiccano Paul Giamatti - ma quanto è bravo questo attore? In ogni film che ho visto mi sorprende sempre - Dustin Hoffman nel ruolo del padre di Barney, e soprattutto le donne, le mogli, ora frivole come Rachel Lefevre - nel ruolo della prima moglie di Barney - Minnie Driver che offre un personaggio sull'orlo di una crisi di nervi, splendidamente caratterizzato e che culmina nella scena in cui viene "pescata" dopo aver fatto sesso con il suo migliore amico, e soprattutto Rosamunde Pike che è il perno nel quale si concentra il film, ovviamente accade anche che il suo migliore amico muore in un incidente ma che Barney è il principale sospettato, come finirà? Beh per scoprirlo correte a vedere questo film meraviglioso.
Un film incentrato sugli amori, sugli affetti, sui fallimenti, e sulla vita di un piccolo uomo con un grande cuore MAGISTRALE.

2 commenti:

  1. Ti è proprio piaciuto.
    Io l'ho visto, più che un film d'amore, come un film sull'amore per la vita ed il vivere.
    Ad ogni modo, davvero una piacevole visione.

    RispondiElimina
  2. si è stata una piacevole vizione, piacevolissima direi ^^

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...