Passa ai contenuti principali

Vento di Primavera

Ambientato durante l'occupazione tedesca in francia, il film viene raccontato secondo il punto di vista di un bambino, e grazie agli occhi di questo bambino, occhi innocenti, che lo spettatore osserva da vicino l'orrore dell'olocausto.
Ma nonostante ciò è il primo film che parla di un capitolo raccontato solo nei documentari ma non al cinema appunto la deportazione degli ebrei francesi nei lager nazisti.
Nel lager vi sono un infermiera, che si prende a cuore gli ebrei, e un medico ebreo che li cura amorevolmente, ma è questa crocerossina, che arriva persino a mangiare come mangiano gli ebrei che si rende conto effettivamente di come sono trattati, tanto da scrivere lettere al prefetto per rimediare e farli mangiare degnamente, dapprima senza ricevere risposta, poi arrivando in prefettura sviene davanti alle suore, ed è lì che da la prima mano agli ebrei...
Ciò che colpisce di questo film è la disumanità dei nazisti nei confronti degli ebrei, ma soprattutto l'umanità della gente che subisce le loro angherie, i loro soprusi, impossibile non rimanerne colpiti, impossibile non restare sbalorditi, la regista Rose Bosch che nei titoli di testa mostra nel filmato di repertorio una Parigi quasi deserta, vuota, c'è qualcosa di oscuro che sta per accadere, e accadrà realmente, piano piano con i colori entriamo in contatto con gli ebrei che vivono a Montmatre, piano piano si accorgono che per loro la vita non è più la stessa, è vietato andare nei negozi, farsi persino vedere per strada, entrare negli uffici etc...una famiglia, di cui la figlia implora suo padre di scappare prima che sia troppo tardi - e ha ragione - ma il padre vuole restare a casa sua, ma quando si accorgerà che le parole della figlia avevano un fondamento sarà troppo tardi, tra le scene migliori segnalo quella in cui un pompiere da l'acqua agli ebrei assetati, e la gente beve come non aveva mai bevuto in vita sua, e la divisione dei bambini dalle madri, di cui non dico l'epilogo per non togliervi la sorpresa agghiacciante del film.
Un film da vedere, per riflettere, su un capitolo poco preso della seconda guerra mondiale, e per l'inumanità di una ideologia trapassata che ha solo sparso lacrime e sangue nel mondo, ma soprattutto per non dimenticare MAI!!!


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.