Passa ai contenuti principali

Country Strong

Un piccolo film, capace di mostrare i sentimenti nudi e crudi, e capace di mostrare il lato oscuro di una persona, la tormentata Kelly Canten (una bravissima Gwyneth Paltrow, che non è nuova dall'interpretare piccoli film capaci di suscitare tanto entusiasmo vedi sliding doors per esempio) qui in un ruolo assolutamente complesso e più maturo in cui risulta credibile quando si rischia di non esserlo, e c'è anche Leighton Meester (la Blair di gossip girl) che si sta lanciando verso il grande schermo interpretando una ex reginetta di bellezza che si lancia nel canto...e attraverso la musica country che si intrecciano le storie di questi personaggi, che sono vicini, ma sono anche lontani, quasi a sfiorarsi, e qui prevalgono i sentimenti, sentimenti come l'amore che sembra essere tanto vicino da sfiorarlo, ma è più sfuggevole di quanto crediamo, e più lo cerchiamo più questa felicità risulta remota e lontana anni luce da noi, ci sarà mai una via di scampo per i nostri protagonisti? E come tutto accade nel mondo dello spettacolo non tutto ciò che brilla è oro, dietro i luccichii, dietro i brillantini, dietro i sorrisi, ci sono persone, ci sono cuori che battono, ci sono problemi, tristezze, depressioni, che rischiano di mandare in frantumi l'intera piramide della vita, ma c'è anche la speranza, la speranza di un nuovo amore, un futuro migliore, è il grande circo della vita che mischiata alla musica svolge un ruolo importante soprattutto in questo film, che per me è stata la sorpresa di questa estate.
Kelly Canten stella della musica Country da poco uscita dalla Rehab ha una relazione adulterina con Beau, nuovo, protagonista della scena, e cantante di successo, che fa da supporter insieme a Chiles Stenton, il tutto è stato organizzato dal marito per il ritorno alle scene di Kelly, ma le cose non vanno come aveva previsto.
Un film che sa di nostalgia, nostalgia di un amore perduto e ritrovato, nostalgia di una vita diversa, e cosa più importante che è anche la cosa che mi ha colpito più di tutta la storia, è la speranza, la speranza di nuove storie, nuovi amori che nascono, vite che realizzano i propri sogni, sogni ovviamente dettati dalla protagonista assoluta del film la musica, è il suono della musica che avvolge i nostri protagonisti, una delle scene migliori è quando Kelly suona una canzone a un bimbo malato, e anche verso la fine quando i nostri protagonisti capiscono veramente di chi sono innamorati...in conclusione, un film bellissimo, che merita un piccolo posto nel vostro cuore.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.