Passa ai contenuti principali

L'ultimo Esorcismo

No dico, non c'è mai fine al peggio?
E' mai possibile che per fare un film horror bisogna pescare sempre nel già visto e rivisto? E' mai possibile che per far paura bisogna inventare un filone e poi ripeterlo centomila volte? Per i reality movies non mi sono ancora espressa, ma preferisco di gran lunga gli horror giapponesi a questa accozzaglia che di horror ha ben poco, almeno loro SI che gli horror li sanno fare, e gli americani ci fanno pure i remake, vedi te che originalità, per l'ultimo esorcismo la storia si ripete, protagonista è il solito predicatore fanatico che vende fumo e niente arrosto e fa credere alla gente di essere un esorcista, ma che alla fine capiamo che è tutto un imbroglio solo perchè lui non crede alla gente posseduta dal demonio, (vedi te che originalità un predicatore che non crede alla gente posseduta solo per questo ti viene voglia di ridere), insomma tra messe che sembrano feste di campeggio, e l'incontro - questo vero - con una ragazza posseduta sul serio di cui le cose ben presto gli sfuggiranno di mano, insomma nulla di nuovo sotto il sole, il solito reality movie pecoreccio tanto per far venire i brividi alla gente e terrorizzarla, ma imparate dai vecchi horror, quasi quasi mi viene voglia di rispolverare l'esorcista, almeno si quello faceva paura, questo sembra la parodia di tale film, non capisco perchè devono fare film che sembrano finti documentari per far venire la pelle d'oca alla gente, alla produzione c'è anche Eli Roth, mah fossi stata in lui avrei evitato di inserire il mio nome in questo filmetto  qualunque, credevo di spaventarmi e invece mi  ritrovo una versione aggiornata e corretta di paranormal activity, solo che a differenza qui ci sono preti, predicatori e imbroglioni...da evitare.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.