Passa ai contenuti principali

Californication Stagione 4

Poteva mancare la quarta stagione di Californication in visione sullo schermo del mio pc? Assolutamente no.
Serie che ho scoperto grazie a quel mattacchione che stimo come se fosse mio fratello Ford, decisi di cominciare a vederla per curiosità.
Come sapete conoscevo Duchovny per l'agente Mulder, all'inizio choc, lo guardai almeno le prime puntate con gli occhi sgranati, ma poi cominciai ad affezionarmi a Hank Moody, a Charlie Runkle, a Karen, Becca, Marcy e tutti gli amici della combriccola dello scrittore più casinista e cazzaro creato per il piccolo schermo.
Risultato, a casa Lynch è diventata davvero un piccolo cult, al pari di serie tv che adoro come Glee e The Vampire Diaries, ma questa è tutta un altra storia.
Nella quarta stagione il lato comico è più misurato rispetto alle tre precedenti, ma il divertimento è assicurato lo stesso perchè ci sono scene come quelle della scimmia che fanno scompisciare.
Sarà anche esplicita, sarà anche sboccata, ma Californication, ormai è un appuntamento annuale che non mi perdo per nessun motivo al mondo, e quest'anno si raddoppia persino con la quinta stagione che vedrò dopo il giro attuale, ormai manca pochissimo.
Hank e Charlie per me sono i nuovi Gianni e Pinotto del piccolo schermo, li adoro e mi fanno divertire, sarà anche una scelta un po' così, una donna che apprezza uno sciupafemmine? Non sia mai!!! Eppure questa serie è riuscita a piacermi, forse per la sua spiccata sincerità di fondo, perchè diciamolo, senza tanti giri di parole, Hank è tutti noi.
Poi anche io scrivo, e mi è capitato un periodo da pagina bianca.
In questa quarta stagione Hank deve fare i conti con la sua notte brava con Mia, che all'epoca era minorenne e rischia di andare in galera per corruzione di minorenne; ad aiutarlo una avvocatessa - e ti pareva - che si scoperà persino, riuscirà davvero a costruire un rapporto normale o rovinerà di nuovo tutto?
All'inizio vediamo che Karen lo caccia di casa e sua figlia Becca non gli vuole parlare, riuscirà a sistemare tutto?
Ci sono parecchie scene belle in questa quarta stagione, decisamente più drammatiche a tratti esistenzialiste, non vi dico le ultime perchè potreste sentirvi male, ma vi assicuro che dopo passa tutto.
Un ottima annata per una serie che è diventata importante a casa Lynch, quindi ringrazio lo stimatissimo amico Ford per avermela fatta conoscere, ogni volta che la guardo mi ci diverto da matti, questo è poco ma sicuro.
Che altro dire...guardatevela.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.