Passa ai contenuti principali

Homeland Stagione 1

Ed eccola, la serie rivelazione di quest'anno.
Sono bastati soltanto 4 episodi a mettere in forse la visione della seconda stagione subito dopo la prima, poi ho cambiato idea perchè avevo altre serie che seguo e che volevo vedere.
Comunquesia Homeland, è uno dei prodotti migliori passati per lo schermo del pc di casa Lynch, e, senza ombra di dubbio devo dire che mi ha sorpresa positivamente.
Non so se posso parlare di capolavoro, forse non lo tocca minimamente, ma certamente è entrata nella lista delle mie serie tv preferite, che continuerò anche l'anno prossimo se tutto va bene.
La storia racconta di Carrie Mathison, una agente della cia, affetta da disturbo bipolare, che nasconde ai suoi superiori per non perdere il posto di lavoro, deve controllare il sergente Nicholas Brody, convertitosi all'islam, e sospetto terrorista.
Nelle prime quattro puntate, è la stessa Carrie, che lo sorveglia a casa sua, poi tramite un comando dai piani alti, deve rinunciare al suo controllo.
Qui scatta qualcosa tra i due, nasce una storia d'amore, tra Carrie e Brody, non appena capisce che sua moglie e il suo amico durante la sua assenza hanno avuto una storia.
Non dura comunque molto, anche perchè lei deve capire se è coinvolto con Al Quaida oppure no...
Insomma, la paura del terrorismo invade anche il piccolo schermo, grazie anche a questa serie tv per altro fatta benissimo, e con una protagonista Claire Danes ovvero la giulietta del film di Baz Luhrmann, qui in un ruolo difficile e complesso, non vi anticipo nulla se ancora non l'avete vista, dico soltanto di vederla negli ultimi due episodi della prima stagione per accorgersi della sua bravura, peccato che non si veda molto in giro, perchè meriterebbe maggiore spazio nello showbusiness.
Homeland si presenta come una serie particolare, sicuramente può non piacere a tutti, ma dubito che quelli che hanno cominciato a vederla hanno smesso di assistere alla vicissitudini di Carrie e il suo team, che ritroverò l'anno prossimo sugli schermi del mio pc.
Questo è poco ma sicuro.
Intanto, mi sembra giusto consigliarvela, perchè è una serie che fa riflettere sullo spionaggio, sui limiti che il governo degli stati uniti dovrebbe avere riguardo il popolo, e soprattutto la salvaguardia dello stesso nei confronti dei pericoli.
Sappiamo che Carrie ha ancora del rimorso per l'11 settembre, e che fa di tutto affinchè non accada mai più una cosa simile.
Si comincia andando subito al dunque, in arabia dove stanno giustiziando un presunto terrorista, e questi dice a Carrie che c'è un americano convertitosi all'islam, da qui comincia tutto, per poi finire in un modo incredibile e paradossale.
Bello, mi è piaciuto, la seconda stagione la vedrò l'anno prossimo.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.