Passa ai contenuti principali

Revenge Stagione 4

Si lo so, mi prendo sempre un po' di tempo per le serie tv, me ne rendo conto, ma in questa estate di recuperi non potevano mancare neanche le seasons finali, dopo True Blood, è la volta del finale di Revenge, che chiude la saga alla quarta stagione.
Ok, non sarà di certo un capolavoro, me ne rendo conto, la mia recensione questa sera vuole essere il ricordo affettuoso di una serie che bene o male a casa Lynch si è fatta volere bene.
In questa quarta stagione succede di tutto e di più, quindi se non avete ancora visto la quarta stagione, che è l'ultima di questa serie non continuate la lettura, perchè ci sono spoiler, quindi se continuate a vostro rischio e pericolo.
Qua si è voluto fare il botto facendo accadere cose allucinanti, la vendetta di Emily/Amanda, da i suoi frutti, anche se alla fine lei decide di darci un taglio, perchè crede che ormai i cattivi bene o male avranno ciò che si meritano.
Attenzione non ha perdonato precisiamo.
Si scopre che David Clarke è ancora vivo, e nel finale della terza stagione uccide Conrad Grayson, con buona pace della stessa Vittoria, che non appena si accorge che David è vivo cerca di farlo rientrare nuovamente nel suo letto.
Victoria ovviamente cerca di manipolare David, e gioca la sua carta contro Emily/Amanda, non vi dico come, ma il destino come si dice ci  mette lo zampino - e fa anche rima hehe ;) - non ci vuole poi molto a capire che sua figlia è ancora viva.
Degne di nota le scene in cui David urla a Nolan che si è fregato i soldi di sua figlia, questi lo guarda sconcertato, ma sa che non può parlare perchè tradirebbe la sua amica.
La verità comunque viene sempre a galla, e si scopre che David è stato salvato dall'accoltellamento, ma ha dovuto lavorare con un uomo ancora più pericoloso di Conrad, anch'egli coinvolto nell'attentato in cui persero la vita in quell'incidente aereo, del quale è stato accusato.
E ci sono anche i morti, uno tra tutti che mi ha fatto venire voglia di scoppiare a piangere è Daniel, che fino all'ultimo ha cercato di rimettere le cose a posto con Margaux, ma non ci è riuscito.
Margaux è rimasta incinta, e dopo la morte di Daniel medita vendetta, nel frattempo Louise, una paziente dell'ospedale psichiatrico in cui era ricoverata, che sposerà Nolan...eh beh, vi lascio immaginare che succederà alla fine.
Basta ho detto quello che succede, non voglio dire altro altrimenti vi rovinerei la visione.
Comuquesia, ve lo dico chiaro e tondo, non aspettatevi roba grandiosa, la trama preme fin troppo il tasto della soap opera, riducendo le infinite potenzialità di una serie, che se vogliamo fare una seria recensione, tolgono qualità alla serie tv in se.
Si tratta certamente di un prodotto che non va oltre la mediocrità, almeno in questa quarta stagione, però, bene o male, nel mio piccolo ho voluto terminare la visione con questa quarta stagione, mettendolo nei Guilty Pleasure, si perchè ho voluto molto bene sia a Revenge che ad Amanda, ho voluto spaccare la faccia a quella arpia di Victoria Grayson, vera cattiva della serie, e se vedete il finale capirete di cosa sto parlando.
Cosa resta di Revenge? Una serie carina, che bene o male è piaciuta dalle mie parti, pur con tutti i suoi difetti e i pochi pregi, poco importa, l'importante è averla vista e parlarne.
Non sarà mai come tantissime altre serie tv, magari tra qualche anno verrà anche dimenticata, ma come dicono a roma che cce frega?
Se ve la volete vedere, o se volete recuperarla fatelo, però non aspettatevi molto da questa serie tv.


Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.