Passa ai contenuti principali

Love & Mercy

Continua il recupero dei film non ancora recensiti alla fabbrica, e visti all'inizio di questo meraviglioso anno.
Oggi, recensisco uno dei migliori film biografici usciti proprio in questo decennio.
Sinceramente non so se è il miglior film biografico su un genio musicale, ma è senza dubbio uno dei più interessanti.
Guardare la storia della musica degli anni sessanta, può essere il più grandioso dei viaggi, come anche il più spaventoso.

Love & Mercy racconta la storia di uno dei più grandi geni musicali degli anni sessanta, addirittura più grande di John Lennon.
Il suo nome era Brian Wilson, ora ai più giovincelli questo nome può non dire niente, ma chi era giovane nei sixties, sa di chi e di cosa sto parlando.
Brian Wilson era la mente musicale del più celebrato gruppo pop americano degli anni sessanta, ovvero i Beach Boys.

Chi è cinefilo sicuramente li conosce perchè molte canzoni sono state scelte anche da altri registi per le colonne sonore dei loro film, si pensi a PT Anderson per Boogie Nights, oppure  Cameron Crowe per Vanilla Sky, e via di seguito.
Love & Mercy racconta la salita e la discesa nell'olimpo delle star della musica di Wilson, la sua malattia psichiatrica inventata di sana pianta dallo psichiatra che lo controllava e usava per farsi i soldi, l'incontro con l'ultima moglie che lo toglie dalle grinfie di quel dottore e lo riporta alla vita, i successi, le sconfitte, insomma tutto quanto.
E' veramente un viaggio interessante condito con la storia del gruppo di cui era la mente musicale, in altre parole Brian Wilson stava in studio mentre la band andava in giro a fare concerti.
La sua genialità la si può riscontrare nel capolavoro Pet Sounds, in cui i Beach Boys sono presenti solo con il nome, ma di fatto il disco è di Brian Wilson.
Questo film per me, che, oltre ad essere appassionata di cinema, sono anche una eccellente musicofila, è stato una vera e propria manna dal cielo.
E' stato bello conoscere e scoprire Brian Wilson, capire l'uomo che stava dietro il musicista, e tutte le persone che gli ronzavano intorno.
Bravissimi Paul Dano e John Cusack, che in epoche differenti, interpretano Brian Wilson.
Per quanto mi riguarda questo è un film che vi consiglio vivamente, in quanto oltre a farvi conoscere uno dei più talentuosi musicisti della storia, è anche una acuta analisi sulla vita e sui tanti approfittatori che possono distruggerla.
Voto: 8

 

Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.