Passa ai contenuti principali

Lupo Solitario

La Storia di due fratelli, diversissimi come il giorno e la notte, uno ligio al dovere e alla famiglia, l'altro troppo libero per essere intrappolato nella gabbia del matrimonio, la vita segnerà un destino crudele per entrambi.

Sean Penn alla prima prova di regia, WOW che film.
Innanzitutto mi scuso con tutti voi per la mia assenza, per ora mi sto prendendo qualche giorno libero, così esco (ho persino comprato dei libri shhh), mi faccio una passeggiata, ascolto musica e via dicendo, ma non ho dimenticato il blog, infatti cercherò di essere più presente in questi giorni.
Continuando a parlare del film, splendido esordio alla regia del bravissimo Sean Penn, che ha come protagonista un autentico outsider, il bravissimo attore Viggo Mortensen protagonista ribelle di questo film.
Un uomo troppo libero per mettere radici e avere una vita normale, ma in tutto questo Sean Penn ha l'accuratezza di non farci odiare il personaggio, nonostante le sue idee sbagliate, al contrario crea una speciale empatia con lui, ce lo fa comprendere, nonostante le sue scelte sbagliate.
E' un film complesso, e per nulla facile, lontano dai dogmi dell'industria hollywoodiana, come ci ha abituati il grande attore americano, è un opera che affronta il dolore delle radici e della famiglia, quando tutto intorno a te sta trasformandosi in una prigione, e allora non fai che scappare da quella prigione e sparire per ritrovare te stesso, infischiandosene di tutti.

I lupi solitari non amano stare in compagnia, è cosa risaputa.
E questo film ricalca proprio queste tematiche.
Sean Penn già alla sua opera prima dirige un cult assoluto, piccolo ma grande capolavoro psicologico che ricalca l'io interiore di un uomo, il protagonista, e lo getta in pasto al pubblico.
Sarà proprio il pubblico a decifrare e capire le sue introspezioni, e i suoi ideali, senza facili giudizi.
Come concludere la recensione di questo straordinario film?
Semplicemente consigliando la visione al pubblico, non c'è altro da fare, primo perchè c'è da sottolineare la spiccata capacità di Sean Penn nel dirigere un film il cui protagonista è un antieroe di cui noi tutti ci possiamo identificare, perchè è facile descrivere gli eroi, ancora più complicato e mettere gli antieroi e farli amare, poi, una struttura narrativa capace di restare impressa nel tempo, cosa volete di più da un film?
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.