Passa ai contenuti principali

Deserto Rosso

Deserto Rosso è un film depresso, o meglio un film sulla depressione.
Michelangelo Antonioni fa un film praticamente impossibile, non per tutti i palati, solo per pochi cinefili assoluti, che riescono nell'impresa devastante a sopportare un opera così caustica.

Nonostante quello che si può presupporre il film è un capolavoro, ma statene alla larga se amate l'azione in un film, questa opera è praticamente priva di dialoghi assidui, ce ne sono pochissimi, essendo un film fatto per di più di silenzi, immagini, scene che rappresentano più lo stato d'animo dei protagonisti che le parole.
E solo un autore come Antonioni poteva fare un film del genere.
Primo film del sodalizio con Monica Vitti credo, non vorrei sbagliarmi, se l'ho fatto correggetemi pure.
Qui si contempla la devastazione delle emozioni, lo stato d'animo della protagonista, depressa, e l'ambiente in cui vive, industriale, malato, e lo si nota a fior di pelle, grazie alla mdp che praticamente non lascia mai Monica Vitti dall'inizio alla fine, lo spettatore capisce che lei non sta bene, creando nonostante i pochissimi dialoghi una speciale empatia grazie alle emozioni suscitate.
Ripeto un film criptico, non di facile fruizione, ma capace di scavare a fondo nell'animo umano e nell'ambiente in cui la protagonista vive.
Un film senza mezze misure, o lo si ama o lo si odia punto.
Non ci sono altre motivazioni per indurre il pubblico a guardarlo, ma attenzione, se cercate lo svago statene alla larga, se amate il cinema criptico invece è un film che fa per voi.
Io non mi faccio di certo problemi a guardare un film del genere, ci sono abituata, essendo una cinefila di quelle toste, e lo dico senza nessuna presunzione.
Deserto Rosso è un film riflessivo, ma capace di urlare infinite emozioni, attraverso l'uso delle immagini, bisogna guardare al di là del proprio naso per poterle scorgere.
Capolavoro immenso, nient'altro da dire.
Voto: 8


Commenti

  1. Non ho visto questo film ma solo per il fatto che come interprete c'è Monica Vitti mi soffermerei a recuperarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, fallo pure poi mi dici se ti è piaciuto ;)

      Elimina
  2. Quarto sodalizio con la Vitti, se non erro, spero di non sbagliarmi pure io ;)
    Comunque sia, personalmente il miglior film Antonioni assieme a "L'eclisse". Indimenticabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ecco, allora mi devo documentare hehehe, l'eclisse l'ho adorato, anche se io preferisco l'avventura ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.