Passa ai contenuti principali

Deserto Rosso

Deserto Rosso è un film depresso, o meglio un film sulla depressione.
Michelangelo Antonioni fa un film praticamente impossibile, non per tutti i palati, solo per pochi cinefili assoluti, che riescono nell'impresa devastante a sopportare un opera così caustica.

Nonostante quello che si può presupporre il film è un capolavoro, ma statene alla larga se amate l'azione in un film, questa opera è praticamente priva di dialoghi assidui, ce ne sono pochissimi, essendo un film fatto per di più di silenzi, immagini, scene che rappresentano più lo stato d'animo dei protagonisti che le parole.
E solo un autore come Antonioni poteva fare un film del genere.
Primo film del sodalizio con Monica Vitti credo, non vorrei sbagliarmi, se l'ho fatto correggetemi pure.
Qui si contempla la devastazione delle emozioni, lo stato d'animo della protagonista, depressa, e l'ambiente in cui vive, industriale, malato, e lo si nota a fior di pelle, grazie alla mdp che praticamente non lascia mai Monica Vitti dall'inizio alla fine, lo spettatore capisce che lei non sta bene, creando nonostante i pochissimi dialoghi una speciale empatia grazie alle emozioni suscitate.
Ripeto un film criptico, non di facile fruizione, ma capace di scavare a fondo nell'animo umano e nell'ambiente in cui la protagonista vive.
Un film senza mezze misure, o lo si ama o lo si odia punto.
Non ci sono altre motivazioni per indurre il pubblico a guardarlo, ma attenzione, se cercate lo svago statene alla larga, se amate il cinema criptico invece è un film che fa per voi.
Io non mi faccio di certo problemi a guardare un film del genere, ci sono abituata, essendo una cinefila di quelle toste, e lo dico senza nessuna presunzione.
Deserto Rosso è un film riflessivo, ma capace di urlare infinite emozioni, attraverso l'uso delle immagini, bisogna guardare al di là del proprio naso per poterle scorgere.
Capolavoro immenso, nient'altro da dire.
Voto: 8


Commenti

  1. Non ho visto questo film ma solo per il fatto che come interprete c'è Monica Vitti mi soffermerei a recuperarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, fallo pure poi mi dici se ti è piaciuto ;)

      Elimina
  2. Quarto sodalizio con la Vitti, se non erro, spero di non sbagliarmi pure io ;)
    Comunque sia, personalmente il miglior film Antonioni assieme a "L'eclisse". Indimenticabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ecco, allora mi devo documentare hehehe, l'eclisse l'ho adorato, anche se io preferisco l'avventura ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.