Passa ai contenuti principali

Honeymoon

L'amica Bolla è una fonte inesauribile di titoli, soprattutto di film horror, di cui è un autentica cultrice. Dopo l'espertissima Lucia Patrizi, lei merita il secondo posto tra i cultori del cinema horror, a chi va il terzo? Non lo so e sinceramente non lo voglio sapere, per quanto mi riguarda mi considero una semplice appassionata, come lo sono del cinema in generale.
Questo titolo l'ho scoperto grazie alla Bolla, precedentemente consigliato dalla mitica Lucia, così mi ci sono buttata e l'ho visto anche io.

Il film mi è piaciuto, anche se sinceramente all'inizio non  l'ho centrato in pieno, il crescendo di tensione cresce piano piano, ed è tutto costruito in modo che lo spettatore non si aspetta quello che accade.
Il film comunque va a rilento, per questo molti spettatori potrebbero storcere il naso, e comunque è un film che necessita molta pazienza, perchè il bello arriva piano piano, in un crescendo studiato non a tavolino, ma grazie alla giusta tensione e a una narrazione capace di incollarti letteralmente davanti allo schermo, e scusate se è poco.
Non sono molti gli horror del genere che sanno inchiodare davanti allo schermo, eppure questo film può essere annoverato tra i migliori horror dell'anno.

Non è certamente un horror per tutti i palati, forse x quelli sopraffini, ma anche no, l'orrore cresce a poco a poco ma c'è, e non è certo come siamo abituati noi, i protagonisti sono due giovani sposini che decidono di fare il viaggio di nozze in uno chalet nel bosco, tutto bene finchè una notte la sposina scompare, e il marito la ritrova del tutto cambiata, cosa sarà successo?
Tutto non è come appare, e gli indizi appaiono a poco a poco, come la costruzione di un mistero che quando esploderà sarà come aprire un vaso di pandora, facendo uscire un mistero incredibile e sconcertante agli occhi umani.
Un bell'horror devo dire, diverso e inconsueto dal solito, merita certamente una visione.
Voto: 7 e 1/2

 

Commenti

  1. Decisamente uno dei film più inquietanti ed ansiogeni visti di recente, un vero gioiellino horror! :)

    RispondiElimina
  2. Ma perché io non riesco a vedere sto film? Niente sub, niente film, hype alle stelle

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.