Passa ai contenuti principali

Bohemian Rhapsody





Nel cinema devi raccontare una storia e fare spettacolo, tutto leggittimo per carità, però da fan di lunga data dei Queen - li ho scoperti nel 1989 ai tempi di the miracle - mi aspettavo che nel film si raccontava Freddie Mercury, come grande artista, come uomo, non come una superstar anche un po' capricciosa e viziata, un po' come viene descritto in questo film.
Mi dispiace non ci siamo, ok, è un film e si deve romanzare, ma qui non stiamo parlando di un personaggio inventato di sana pianta per far divertire il pubblico, qui stiamo parlando di un artista geniale, che è diventato una leggenda del rock, più precisamente del glam rock dato che ha iniziato la sua carriera proprio in quell'epoca, questa operazione mi sa di pubblicità per raccattare soldi dei due queen rimasti che ancora fanno musica.
Tutto leggittimo preciso, però non si usa l'immagine di un amico per guadagnarci sopra, almeno per come la penso io è così.
Ma mi dite poi quella cavolata di non dire AIDS detta due anni prima che a Freddie veniva diagnosticata la malattia?
Cioè Freddie se l'è presa fine '86, e l'hanno anticipata perché non si deve parlare di certe cose, come  non si deve parlare di omosessualità, si sottolinea il fatto che anche Freddie si vergognava delle sue origini parsi...io rispondo, ma quando mai?
Come posso credere a un personaggio che si vergogna delle sue origini?
Stiamo scherzando?
Non ci siamo amici, questo film racconta Freddie come una superstar, non per l'artista che era, allora diamo fiato alle trombe, facciamo conoscere la musica dei queen per raccattare altri soldini, non c'è niente di male in questo, ma non mi venite a dire che questo è un biopic che racconta la storia di un artista altrimenti vi prendo a bastonate.
Niente male come pubblicità, così i vecchi Queen possono tornare ad esibirsi come vecchi musicisti con un novellino come Adam Lambert, e così torneranno nuovamente a incassare.
Tutto marketing e niente arrosto...ma così è come vi piace come diceva una commedia di Shakespeare.
Le canzoni sono straordinarie come la messa in scena e la recitazione, tutto il resto è solo marketing.





Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…