Passa ai contenuti principali

Un piccolo Favore

Finalmente sono riuscita a vedere un piccolo favore, visto due volte, una il lingua originale senza sottotitoli, l'altra poco fa, in italiano, volete sapere come la penso? Stay Tuned.

Tutti noi abbiamo degli amici, dei conoscenti, ma quanto sappiamo realmente di loro, e appaiono sempre come si fanno vedere o nascondono dei segreti?
In sostanza è questo il letit motiv di questo sorprendente quanto intrigante film, che già sin dalla visione del trailer volevo vederlo, ho aspettato fino alla sua uscita, la prima volta non ho colto bene perché vederlo in lingua originale senza sottotitoli, che prontamente non ho trovato - di solito si trovano quelli dei telefilm ndr - fortuna che dopo quasi due settimane l'hanno messo nel mio sito di riferimento CB01 e non me lo sono fatto scappare.
Ebbene il film si presenta subito come una commedia nera politicamente scorretta, con una protagonista Emily una originale quanto brava Blake Lively che sembra la donna più bella del mondo, e che vuole fare le scarpe al prossimo, ma è qui che si sbaglia, perché la sua amica vlogger Stephanie, Anna Kendrick sembra che sia fragile e debole, ma ha le ovaie ben saldate tra le gambe, e quando capisce che dietro il suicidio di Emily si nasconde ben altro, non si arrende fino a quando porta alla luce la verità.
Un film che ha diversi colpi di scena di incredibile impatto, che lasciano piacevolmente incollati alla poltrona gli spettatori.
Paul Feig, che viene dalla commedia demenziale, dimostra di essere capace di fare film di altro genere e livello, mettendo in scena la storia di una dark lady, che somiglia vagamente a Gone Girl, ma presenta una storia dai risvolti noir, con una protagonista piuttosto stronza, che lega con una apparentemente timida mamma vlogger, ma che quest'ultima dimostrerà di essere capace di tenerle testa smascherando i suoi segreti e scoperchiando il vado di pandora dove si nascondono tutti i suoi intrighi e misteri legati alla scomparsa nel nulla, ah a proposito, il piccolo favore del titolo si intende del fatto che Emily chiede a Stephanie di tenerle il figlio perché ha da fare, ma l'attesa del suo ritorno si prolunga a diversi giorni, e poi diverse settimane, fino al ritrovamento di un cadavere, sembra che il caso sia chiuso ma strani avvenimenti si susseguono, con un colpo di scena dopo l'altro….
Stephanie scoprirà i segreti della sua migliore amica?
E cosa nasconde veramente Emily?
Per me questo film si è rivelato una bella sorpresa di fine 2018, con due protagoniste perfettamente in parte e una storia piuttosto coinvolgente, un piccolo gioiellino da vedere sicuramente.





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.