Passa ai contenuti principali

Horror Stories Summer Edition - A Classic Horror Story

 

Estate, tempo di horror.
Come ogni anno c'è l'edizione estiva della rubrica dedicata a questo cinema, io la faccio durare tutto l'anno, quando ovviamente sono attiva, perché sono una grande appassionata di cinema horror, è come se facessi notte horror tutto l'anno tanto per fare un esempio.
Quest'anno ricomincio con un po' di ritardo, causa l'editing del terzo romanzo della mia saga, ma non importa, perché il cinema horror ci farà compagnia per una settimana fino a sabato prossimo, poi la rubrica tornerà regolarmente ogni settimana di martedì.
E per aprire le danze ho pensato bene di recensire il nuovo lavoro di Roberto De Feo che dirige un film a quattro mani con l'esordiente Paolo Strippoli-
A Classic Horror Story è un film ricchissimo di citazioni, allo stesso tempo un opera che cammina con le sue gambe.
Si possono ritrovare molte ispirazioni, segno che i due autori amano il genere cinematografico horror, e queste ispirazioni vanno da Non aprite quella porta, Hostel, La Montagna Sacra, Midsommar e tanti altri film.
A Classic Horror Story potrei definirlo un incubo ad occhi aperti con un twist finale che vi lascerà di stucco, un film che mixa i generi e sottogeneri horror senza mai strafare.
Certe volte le opere a quattro mani non sono del tutto riuscite, devo dire il contrario per questo sorprendente film, che potrebbe risultare poco originale dato le citazioni, ma che riesce ad avere una sua identità.
Si va dal torture, al folk horror, con una trama a dir poco agghiacciante nel senso positivo del termine ovviamente con un film che nonostante le citazioni sia originale, come una specie di ventata fresca, in un panorama cinematografico azzoppato dalla pandemia.
Mi è piaciuto moltissimo.



Commenti

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!