Passa ai contenuti principali

Riviera Stagione 1

 

Riviera, finalmente l'ho visto anch'io.
Devo dire però che la costruzione della trama non è proprio perfetta, l'ambientazione in europa l'ho trovata intrigante, finalmente si esce dagli stati uniti una volta tanto, ma non mi sarei mai aspettata che l'idea fosse partita da uno dei migliori registi cinematografici che fa parte anche della rosa dei miei preferiti: Neil Jordan.
Allora, ho appena terminato di vedere la prima stagione, quindi il mio parere è fresco, e non stagionato, quindi il mio parere potrebbe essere a caldo rispetto a chi aspetta un po' di tempo prima di recensire qualcosa che ha visto.
Penso che questa serie tv sia puro intrattenimento, ma fatto bene, gli intrighi non mancano, e neanche i colpi di scena, al centro di tutto c'è l'esplosione dello yacht su cui viaggiava il miliardario Constantine Clios, perciò la giovane vedova si vede bloccare la sua eredità, e perciò è costretta a convivere con la prima moglie e i figli di suo marito.
Qualcosa però non torna, ci sono immischiati nell'esplosione diversi personaggi legati ai servizi segreti e alla malavita, Giorgina la seconda moglie di Constantine si accorge che gli affari del marito non erano così puliti come sembravano.




 Lei che si occupa di acquistare opere d'arte, si accorge che è rimasta immischiata negli affari sporchi del marito, che vendeva falsi per ingranare molti più soldi, però, nel passato di suo marito non c'è solo la collezione di valore inestimabile e gli affari che lo hanno reso miliardario, c'è anche un intrigo su un presunto file, che sarebbe il motivo per cui lo hanno ucciso.
Prima Giorgina deve cercare di capire cosa si nasconde nella stanza dove Christos non vuole che si avvicini, lei imperterrita riesce ad entrare e scopre altri intrighi.
Tutto qui?
No, vi assicuro che non è tutto qui, è Giorgina la donna con le palle che cerca di capire che fine abbia fatto il marito, Irina l'ho trovata irritante, e in alcuni momenti avrei voluto prenderla a schiaffi, Adriana mi è sembrata l'unica che è se stessa in una famiglia a dir poco disfunzionale.
Una serie che non è priva di difetti, ma che si fa volere bene, perché ha il giusto mix di intrigo che ti incolla alla poltrona, il che non è poco, considerando che non è un capolavoro.
Non male, se non cercate una serie che sia un capolavoro fa la giusta parte per divertire e intrigare senza mai annoiare.
La seconda stagione, spero di vederla a settembre.
La prossima serie tv che recensirò sarà Wanda Vision Stagione 1






Commenti

  1. La serie non l'ho vista, ma locandina mi ha sparato un flash facendomi ricordare il quadro di John Everett Millais dal titolo Ophelia, che è stato anche ispirazione per il videoclip di Where The Wild Roses Grow Di Nick Cave & Kylie Minogue. Magari non c'entra nulla con la serie, però è molto simile.

    RispondiElimina
  2. La prima stagione sufficientemente interessante e buona, la seconda così così, diciamo che come intrattenimento va bene, non c'è altro.

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!