Passa ai contenuti principali

Horror Stories Summer Edition - Spiral - L'eredità di Saw


 Non sono daccordo con i Reboot, spesso li considero minestre riscaldate che non aggiungono nè rinnovano nulla a un franchise, tranne per Twin Peaks, ma quello è un discorso a parte.
Della saga di Saw - L'enigmista ho adorato il primo film, che considero uno dei capolavori del genere horror, gli altri sono buoni prodotti, io mi sono fermata per ora al terzo film della saga originale, e ho visto anche questo.
Devo dire la verità?
Ho fatto fatica a guardarlo tutto, spesso mettevo pause e facevo altre cose, perché?
Secondo me, la saga di Saw non necessita di ulteriori film, remakes, rifacimenti o reboot; andava bene agli inizi degli anni due mila.
Adesso penso che fare un reboot rifacendo quello che è stato fatto allora, mi sembra uno spreco di tempo e di soldi.
La gente conosce bene e ama la saga originale, che senso ha fare un film reboot senza aggiungere nulla di nuovo?
Qualcosa di nuovo c'è suvvia, però è una scelta banale e scontata, l'assassino è uno che replica i delitti di Jigsaw, e che non aggiunge nulla di nuovo a ciò che lo psicopatico della precedente saga ha fatto, quindi ha senso guardare questo film?
Dopo aver visto film sorprendenti nella settimana dedicata a horror stories, mi aspettavo un film che seguisse la scia, e anche qualcosa di nuovo, ma niente.
Per me è stata una ripetizione assurda di qualcosa già visto e sentito, senza alcun cambiamento, e senza alcuna idea originale.
Solo un film girato per far soldi, con una storia trita e ritrita che non aggiunge nulla alla saga e che si limita solo ad essere la pallida imitazione di un franchise tra i più importanti della storia dell'horror.


Commenti

  1. Mi è sembrato di stare guardando "Palle in canna" (1993) con le torture al posto delle battute divertenti, stranissima operazione. Cheers

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!