Passa ai contenuti principali

The Undoing - Le Verità Non dette

 

Alla fabbrica tornano dopo tantissimo tempo le serie tv, e per l'occasione ho voluto recuperare l'ultima miniserie con protagonista Nicole Kidman che praticamente ho finito di vedere poco fa.
Si è vero, avevo deciso di vedere un episodio al giorno fino a venerdì, ma la curiosità di sapere come andava a finire ha preso il sopravvento.
Eppure c'erano segnali evidenti che potevano farmi capire che la soluzione si trovava proprio davanti a me, e che il protagonista stesse recitando una parte, e si, come diceva il buon vecchio zio David Lynch, i gufi non sono quello che sembrano, che spesso le persone indossano una maschera e recitano una parte, eppure io ho capito la soluzione, anche se sospettavo di Grace la moglie, che forse ha commesso il delitto per gelosia, o per nascondere una presunta relazione lesbica.
Fortunatamente la soluzione era molto diversa, praticamente te lo dicono sin da subito, però poi ti mettono davanti il dubbio, che forse potrebbe essere stato qualcun'altro, ma, ci sono segni evidenti di una personalità narcisistica, e mi fermo qui, altrimenti potrei spoilerare, e togliervi il piacere di scoprirlo da soli, come è accaduto a me.


Il merito della soluzione ce l'ha Grace, una bravissima - ma che ve lo dico a fare - Nicole Kidman, che con uno stratagemma, riesce a fare uscire l'incidente accaduto al marito quando era adolescente, ma basta, ragazzi non dico altro perché altrimenti vi rovino la sorpresa, e sarebbe davvero un peccato.
Le famiglie nascondono un lato oscuro, ed è proprio questa la tematica di questa miniserie tv targata hbo è incentrata.
Non conosciamo mai a fondo le persone che sposiamo, che ci vivono accanto, finché non accade qualcosa di terribile, che ci mette di fronte alla realtà, che non vogliamo accettare, e che non riconosciamo.
Le persone mettono una maschera per farsi accettare, fingono di essere ciò che in realtà non sono, ma lo fanno solo ed esclusivamente per tornaconto personale, per occhio di mondo - e io ne so qualcosa - e per controllare gli altri.
Infondo Grace, è una moglie che crede nell'innocenza del marito perché lui, il bastardo, riesce a manipolarla, in modo da metterla nella sua parte, ma quella non è una famiglia normale, ma disfunzionale, lo si capisce anche nella scena in cui il marito pensa che il colpevole potesse essere il figlio...
Vi dico solo questo, se non l'avete fatto guardatevela e recuperatela, perché per me è stata la piccola sorpresa televisiva dell'estate.
La prossima serie tv che recensirò sarà Riviera stagione 1




Commenti

  1. A me ha deluso, la risoluzione prevedibile, speravo meglio. Solo Matilda mi ha convinto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il marito aveva una personalità narcisistica, e gli autori hanno instillato il dubbio che forse potesse essere innocente, fino alla rivelazione finale, dove c'è l'incidente accaduto al marito e raccontato via skype dalla madre

      Elimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!