Passa ai contenuti principali

Elegia Americana

 

Ah la famiglia,
Bisogna accettare il fatto che non possiamo scegliercela la famiglia, e accettare le persone così come sono.
A volte però dobbiamo fare i conti con i casini che ci piovono addosso, soprattutto quando si ha una madre tossicodipendente.
JD è un ì giovane, e nel bel mezzo di una cena di lavoro, dove possibilmente entrerà in un prestigioso studio legale, arriva la chiamata della sorella.
Motivo della chiamata?
La madre è entrata in overdose, a causa dell'eroina, così il giovane dovrà tornare a casa e ripercorrere la sua vita fatta dal rapporto burrascoso con la madre, una sorprendente Amy Adams, una donna sola che deve crescere i figli, dalla nonna rimasta vedova, e dalle sorelle, le zie e via dicendo.
La sua è una famiglia imperfetta, e quale famiglia non lo è?
Il suo ritorno a casa coincide con il ricordo della sua infanzia, e di tutti i problemi che un bambino ha dovuto affrontare con una madre simile.
I parenti dopo tutto, te li devi tenere così come ti sono stati dati, senza se e senza ma, non c'è altra soluzione.
Perché la vita è una merda, anche se sei solo un ragazzino che deve fare i conti con una madre isterica e immatura, fragile e insicura, e soprattutto incapace di badare ai suoi figli.
Queste sono cose che ti fanno crescere in fretta, anche se sei ancora un ragazzino, devi renderti conto che la vita ti toglie la spensieratezza, soprattutto se si ha una madre simile.
Elegia Americana, ultima fatica di Ron Howard, è un film sulla perdita dell'innocenza, sul guardare gli adulti e rendersi conto che sono soltanto dei bambini cresciuti.
Il fatto che sia stato tratto da una storia vera ti fa rendere conto quanto la vita certe volte sia assurda.
Mi è piaciuto, anche se devo dire che Ron Howard, pur non essendo un grande regista, è capace di colpire al cuore certe volte, e lo fa con tutta la semplicità che arriva dal cuore.



Commenti

  1. Ne hanno detto peste e corna di questo film, a me invece è piaciuto molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me, e mi stupisco che l'hanno massacrato in questo modo.

      Elimina
  2. visto adesso su prime video, non capisco nulla di cinema, ho pianto però, a me basta così

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!