Passa ai contenuti principali

Scappa - Get Out

Questo film è stata una sorpresa.
Durante la visione io, avevo voglia di stoppare e mandare al diavolo il regista, poi magari cominciare un altro film, perchè sembrava e non scherzo una paraculata di quelle grosse.


Fermo restando che mentre lo guardavo, non riuscivo  a capire dove il regista voleva andare a parare, in poche parole, mi sembrava di stare assistendo al solito film che tutti elogiavano, ma che era una cavolata assurda per me...fino ad un certo punto.
Un punto fondamentale della narrazione che mi ha fatto vedere il film sotto una luce nuova, ora non lo dico per non rovinarvi la sorpresa, ma vi assicuro che arrivati a quel punto avrete la mia stessa reazione al film.
Jordan Peele non fa un film frenetico, di quelli che dall'inizio ti inchiodano allo schermo, non fa nemmeno l'occhiolino allo spettatore, ma cerca - cosa rara al cinema di questi tempi - di prendere una narrazione particolare che è come un crescendo verso la rivelazione centrale, che racchiude anche il mistero della famiglia della sua fidanzata.
Sempre se possiamo chiamarla fidanzata...questo è un mio grandissimo spoiler, lo so, ma non ne ho potuto fare a meno.
Jordan Peele se potessi ti picchierei,ovviamente in senso buono, abbiamo parlato di un crescendo della narrazione, beh continuiamo allora, innanzitutto c'è da dire che non bisogna mai arrendersi davanti a un film, e fino ad ora non l'ho fatto, anche se la tentazione di mandarlo a fan***o era grandissima, sono comunque andata avanti perchè volevo sapere di cosa parlava il film.
Certamente è un film disturbante che invece di darti il contentino vuole che tu sia testimone piano piano di ogni cosa che accade al protagonista.
Una genialata potrei dire, eh si, perchè sinceramente non so se questo film sia il miglior horror dell'anno, sicuramente è UNO dei migliori horror dell'anno.
Non ci sono scene raccapriccianti, sbudellamenti vari etc etc etc...
C'è solo questo crescendo psicologico che è molto disturbante, e la famiglia della fidanzata non è certamente quello che sembra, ma cosa nascondono in realtà? Perchè si fanno vedere fintamente gentili? E perchè i domestici neri sono felicissimi di essere sottomessi ai padroni bianchi?
E' ovvio che qualcosa non quadra, e Chris cerca in tutti i modi di capire perchè quelle persone insolitamente gentili verso la sua etnia sono fin troppo gentili.
Tutto farebbe pensare a una sorta di razzismo silenzioso, e sembrerebbe così ad una precisa visione, ma non è così...la strana famiglia della sua fidanzata gioca con l'ipnosi e una cosa talmente agghiaciante da fare rabbrividire al sol pensiero.
No, non si tratta di razzismo, ma qualcosa di molto molto peggio...
Questa è la versione horror di indovina chi viene a cena, solo se avete il fegato e la forza di vederlo fino alla fine.
Inoltre il regista ha detto che si è ispirato a La notte dei morti viventi per girare questo film.
In conclusione, questo è un fottutissimo bel film.
Voto: 7





 

Commenti

  1. Considerando l'esaltazione che aveva provocato negli Usa mi aspettavo qualcosina in più, però nel complesso è piaciuto anche a me.

    RispondiElimina
  2. Un film molto ruffiano, strettamente politico (probabilmente la prima pellicola anti-trumpiana ad uscire al cinema) comunque innegabilmente coinvolgente!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…