Passa ai contenuti principali

Scappa - Get Out

Questo film è stata una sorpresa.
Durante la visione io, avevo voglia di stoppare e mandare al diavolo il regista, poi magari cominciare un altro film, perchè sembrava e non scherzo una paraculata di quelle grosse.


Fermo restando che mentre lo guardavo, non riuscivo  a capire dove il regista voleva andare a parare, in poche parole, mi sembrava di stare assistendo al solito film che tutti elogiavano, ma che era una cavolata assurda per me...fino ad un certo punto.
Un punto fondamentale della narrazione che mi ha fatto vedere il film sotto una luce nuova, ora non lo dico per non rovinarvi la sorpresa, ma vi assicuro che arrivati a quel punto avrete la mia stessa reazione al film.
Jordan Peele non fa un film frenetico, di quelli che dall'inizio ti inchiodano allo schermo, non fa nemmeno l'occhiolino allo spettatore, ma cerca - cosa rara al cinema di questi tempi - di prendere una narrazione particolare che è come un crescendo verso la rivelazione centrale, che racchiude anche il mistero della famiglia della sua fidanzata.
Sempre se possiamo chiamarla fidanzata...questo è un mio grandissimo spoiler, lo so, ma non ne ho potuto fare a meno.
Jordan Peele se potessi ti picchierei,ovviamente in senso buono, abbiamo parlato di un crescendo della narrazione, beh continuiamo allora, innanzitutto c'è da dire che non bisogna mai arrendersi davanti a un film, e fino ad ora non l'ho fatto, anche se la tentazione di mandarlo a fan***o era grandissima, sono comunque andata avanti perchè volevo sapere di cosa parlava il film.
Certamente è un film disturbante che invece di darti il contentino vuole che tu sia testimone piano piano di ogni cosa che accade al protagonista.
Una genialata potrei dire, eh si, perchè sinceramente non so se questo film sia il miglior horror dell'anno, sicuramente è UNO dei migliori horror dell'anno.
Non ci sono scene raccapriccianti, sbudellamenti vari etc etc etc...
C'è solo questo crescendo psicologico che è molto disturbante, e la famiglia della fidanzata non è certamente quello che sembra, ma cosa nascondono in realtà? Perchè si fanno vedere fintamente gentili? E perchè i domestici neri sono felicissimi di essere sottomessi ai padroni bianchi?
E' ovvio che qualcosa non quadra, e Chris cerca in tutti i modi di capire perchè quelle persone insolitamente gentili verso la sua etnia sono fin troppo gentili.
Tutto farebbe pensare a una sorta di razzismo silenzioso, e sembrerebbe così ad una precisa visione, ma non è così...la strana famiglia della sua fidanzata gioca con l'ipnosi e una cosa talmente agghiaciante da fare rabbrividire al sol pensiero.
No, non si tratta di razzismo, ma qualcosa di molto molto peggio...
Questa è la versione horror di indovina chi viene a cena, solo se avete il fegato e la forza di vederlo fino alla fine.
Inoltre il regista ha detto che si è ispirato a La notte dei morti viventi per girare questo film.
In conclusione, questo è un fottutissimo bel film.
Voto: 7





 

Commenti

  1. Considerando l'esaltazione che aveva provocato negli Usa mi aspettavo qualcosina in più, però nel complesso è piaciuto anche a me.

    RispondiElimina
  2. Un film molto ruffiano, strettamente politico (probabilmente la prima pellicola anti-trumpiana ad uscire al cinema) comunque innegabilmente coinvolgente!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.